bilancio

Libia: 174 morti e 756 feriti negli scontri a Tripoli

L’OMS rende noto il numero delle vittime delle ostilità - Unicef denuncia: «Ci sono 7.300 bambini sfollati»

Libia: 174 morti e 756 feriti negli scontri a Tripoli
Foto Keystone

Libia: 174 morti e 756 feriti negli scontri a Tripoli

Foto Keystone

Libia: 174 morti e 756 feriti negli scontri a Tripoli
Foto Keystone

Libia: 174 morti e 756 feriti negli scontri a Tripoli

Foto Keystone

TRIPOLI - Il bilancio delle vittime degli scontri a Tripoli è salito a 174 morti e 756 feriti. Lo riferisce l'Organizzazione mondiale della Sanità nel Paese nordafricano.

Inoltre sono 7.300 i bambini sfollati finora a causa degli scontri in corso. È il dato, aggiornato al 15 aprile, fornito dall’Unicef all’agenzia italiana ANSA.

Le persone che hanno invece chiesto di essere evacuate e che si trovano tuttora nelle aree del conflitto sono circa 4.500, fra cui 1.800 bambini.

L’Unicef sta attuando una risposta rapida all’emergenza attraverso la consegna di pacchi di beni essenziali, come cibo e aiuti per l’igiene. Circa 200 famiglie (1.000 persone, fra cui bambini) sono state assistite dall’inizio della crisi.

Con una bozza di risoluzione elaborata dalla Gran Bretagna e arrivata sul tavolo del Consiglio di Sicurezza Onu, si chiedono invece l’immediata de-escalation, il cessate il fuoco e l’impegno per la fine delle ostilità in Libia.

«La situazione in Libia continua a costituire una minaccia per la pace e la sicurezza - si legge nel documento, ottenuto dall’agenzia italiana ANSA - e quindi si chiede a tutte le parti un’immediata de-escalation, di impegnarsi per un cessate il fuoco e con le Nazioni Unite per garantire una completa cessazione delle ostilità in tutto il Paese».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1