Macedonia: il referendum sul nome del Paese è un flop

Per dare validità alla consultazione l'affluenza avrebbe dovuto superare il 50%, invece alle urne è arrivato poco più del del 34% della popolazione

Macedonia: il referendum sul nome del Paese è un flop

Macedonia: il referendum sul nome del Paese è un flop

Macedonia: il referendum sul nome del Paese è un flop

Macedonia: il referendum sul nome del Paese è un flop

Macedonia: il referendum sul nome del Paese è un flop

Macedonia: il referendum sul nome del Paese è un flop

SKOPJE - In Macedonia è fallito il tanto atteso referendum - consultivo - sull'accordo con la Grecia per il nuovo nome del Paese ex jugoslavo (Macedonia del nord). Ma il premier socialdemocratico Zoran Zaev, europeista convinto e grande fautore della consultazione, pur avendo subito una sconfitta politica, non si scoraggia e promette di continuare a battersi per garantire al Paese balcanico l'integrazione in Nato e Ue. E non esclude elezioni anticipate nel caso di difficoltà nell'iter parlamentare per l'approvazione dell'accordo con Atene.

L'affluenza alle urne non ha raggiunto il quorum del 50% più uno: l'ultimo dato diffuso dalla commissione elettorale parlava di una partecipazione di appena sopra il 34% alle 18.30, mezz'ora prima della chiusura dei seggi. Il dato finale sull'affluenza non era noto in tarda serata. A metà dei voti scrutinati, si sa invece che oltre il 90% dei votanti ha scelto il cambio di nome.

"E' stata una giornata di democrazia, i cittadini hanno votato pacificamente e liberamente secondo le proprie convinzioni", ha affermato il premier dopo la chiusura dei seggi, sottolineando come la stragrande maggioranza dei voti espressi - il referendum era consultivo e non vincolante - siano stati a favore dell'accordo con Atene che mette fine allo stallo che impediva alla piccola repubblica l'integrazione euroatlantica. E di questo il parlamento dovrà tener conto.

Anche se tutto sarà più complicato. La comunità internazionale infatti aveva posto il sì all'accordo con la Grecia come condizione per una accelerazione del cammino della Macedonia verso l'adesione a Unione europea e Nato. E a sostegno del premier Zaev e della sua politica di integrazione euroatlantica si erano recati a Skopje numerosi leader politici e personalità internazionali quali Angela Merkel, Federica Mogherini, Sebastian Kurz, Jens Stoltenberg, James Mattis.

Il premier Zaev esce indubbiamente indebolito. Secondo lui hanno prevalso gli appelli al boicottaggio da parte dell'opposizione conservatrice e del presidente nazionalista Gjorgje Ivanov. Pur favorevoli all'ingresso del Paese in Ue e Nato, gli avversari di Zaev hanno respinto dal primo momento l'accordo con Atene, ritenendolo anticostituzionale e dannoso per gli interessi nazionali della Macedonia. Per il presidente Ivanov si tratta di una "flagrante violazione della sovranità" nazionale macedone, e di una capitolazione di fronte agli interessi greci.

"La volontà degli elettori in questo referendum consultivo dovrà trasformarsi in attività politica in parlamento", ha insistito il premier, che ha detto di aspettarsi un comportamento responsabile dell'opposizione conservatrice. In caso contrario, ha detto, vi saranno presto elezioni anticipate. Per l'approvazione delle modifiche costituzionali legate all'accordo con la Grecia per il nuovo nome è richiesta la maggioranza dei due terzi, che attualmente il governo non ha. Lo storico accordo fra Skopje e Atene, che ha posto fine a una disputa lunga 27 anni, rischia così di restare ancora incompiuto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1