malta

Navi bloccate, soluzione in vista

Parigi e Berlino si sono dette pronte ad aumentare l’impegno ricevendo 50 persone a testa ferme in mare su Sea Eye e Sea Watch

Navi bloccate, soluzione in vista
(AP Photo)

Navi bloccate, soluzione in vista

(AP Photo)

BRUXELLES - Appare più vicina la soluzione nell’impasse delle due navi Sea Eye e Sea Watch con 49 migranti a bordo, mentre proseguono intensi i contatti tra Bruxelles e le capitali. Per sbloccare la situazione Parigi e Berlino hanno aumentato l’impegno, pronte a ricevere 50 persone ognuna.

Così fonti diplomatiche europee all’agenzia di stampa italiana Ansa. I posti offerti non bastano però a soddisfare la richiesta di Malta di trasferire anche i 249 arrivati a dicembre, per questo la Commissione Ue ipotizza di trasferire solo chi ha possibilità di ottenere asilo. Oltre a Francia e Germania, il Portogallo ha dato disponibilità ad accogliere 10 richiedenti asilo, Lussemburgo e Olanda 6 ognuno. Anche la Romania, in qualità di presidenza di turno del Consiglio dell’Ue è pronta a fare sforzi e riceverne alcuni. Per l’Italia invece le fonti preferiscono non pronunciarsi, vista la costante evoluzione della politica interna del Paese, spiegano. Accettando di ridistribuire solo i migranti che hanno più probabilità di ottenere protezione internazionale - viene evidenziato - La Valletta otterrà anche la garanzia di sostegno da parte della Commissione europea per rimpatri veloci, attraverso il contributo dell’Agenzia europea per il sostegno all’Asilo e Frontex. Ma il pressing della Commissione Ue prosegue per convincere anche altre cancellerie a mostrare solidarietà.

Domani il responsabile europeo alla Migrazione Dimitris Avramopoulos sarà in sala stampa per gli aggiornamenti, dopo la riunione dei commissari, e in molti scommettono che sarà per annunciare il via libera di Malta allo sbarco dei migranti a bordo di Sea Eye e Sea Watch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca