Obbligano tre giovani a fare la roulette russa

Tre spacciatori, dopo il sequestro in provincia di Monza, hanno inflitto il macabro gioco alle vittime: arrestati, erano in possesso di droga, munizioni e 10 mila euro in contanti

Obbligano tre giovani a fare la roulette russa

Obbligano tre giovani a fare la roulette russa

MONZA - Una punizione esemplare, quella inflitta da tre spacciatori a tre giovani, anche loro nel giro del traffico di droga, per questioni legate proprio alle sostanze stupefacenti. Gli "aguzzini" hanno infatti costretto le loro vittime a subire il gioco della roulette russa, dopo averle sequestrate a Mezzago, nel Monzese. Secondo i media italiani, la calibro 38 usata nel macabro gioco, una volta premuto il grilletto, non ha sparato. Uno degli spacciatori aveva infilato tre pallottole nel tamburo dell'arma, e solo il caso ha voluto che il colpo non partisse. I tre sono finiti in manette e i carabinieri hanno rinvenuto nel loro "covo" 5 kg di hashish, 1 kg di marijuana, 60 proiettili calibro 38 e 10 mila euro in contanti. Le giovani vittime, sequestrate perché avrebbero fatto sparire dosi di droga per rivenderle all'insaputa dei tre spacciatori, hanno raccontato la folle tortura alle autorità. Gli agenti sono intervenuti dopo alcune ore di sequestro, quando un amico delle vittime, non riuscendo a contattarle, si è insospettito e ha avvisato i militari, indicando anche i luoghi in cui avrebbero potuto trovarsi, tra cui il box auto dove erano state portate effettivamente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Cambiamenti climatici

    Taglio di emissioni insufficiente: solo l’1%

    Secondo l’ONU, l’impegno dei Paesi non è abbastanza, bisognerebbe ridurre l’emissione di gas serra del 45% per mantenere l’aumento delle temperature entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali

  • 2
  • 3
    social network

    Twitter verso i contenuti a pagamento

    La piattaforma starebbe lavorando a un servizio di abbonamento in cui gli utenti pagherebbero contenuti speciali da account di alto profilo

  • 4
    gran bretagna

    La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa

    La Corte Suprema di Londra ha rovesciato il verdetto emesso in luglio in appello: alla 20.enne non sarà permesso di rientrare nel Paese dopo essere fuggita nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato

  • 5
    africa

    Rapite oltre 300 studentesse in Nigeria

    Nuovo attacco da parte di uomini armati in una scuola di Jangebe, nello Stato di Zamfara: settimana scorsa 42 persone e a dicembre altri 300 ragazzi sono stati sequestrati in vari centri scolastici del Paese

  • 1