Oltre 200 milioni di indennizzi per lo scandalo pedofilia

STATI UNITI

È la somma versata dall’arcidiocesi di Chicago alle vittime di abusi sessuali perpetrati dai religiosi

Oltre 200 milioni di indennizzi per lo scandalo pedofilia
© Shutterstock

Oltre 200 milioni di indennizzi per lo scandalo pedofilia

© Shutterstock

Oltre 200 milioni di dollari e per la Chiesa Cattolica americana la bolletta degli indennizzi continua a salire. Dal 2001, l’anno in cui negli Usa è esploso lo scandalo della pedofilia del clero, l’arcidiocesi di Chicago ha pagato un totale di 220 milioni di dollari a vittime di abusi sessuali da parte di religiosi.

Di questa somma, 80 milioni di dollari sono stati versati dal 2001 ad un unico studio legale guidato da Jeff Anderson, l’avvocato che fin dall’inizio, con l’aiuto di documenti scaturiti dallo scandalo dell’arcidiocesi di Boston, ha rappresentato in tutti gli Stati Uniti vittime di preti pedofili in casi clamorosi contro diocesi e lo stesso Vaticano.

Il dato complessivo è stato reso noto dalla stessa arcidiocesi di Chicago, mentre a rivelare la somma pagata negli ultimi 18 anni è stato la Anderson Associates, lo studio basato a Minneapolis, che a Chicago ha rappresentato 160 persone.

E se per l’arcidiocesi il costo è astronomico la questione dei risarcimenti non è affatto chiusa. Fonti ecclesiastiche in luglio avevano detto al Chicago Tribune che si aspettano nuovi indennizzi per oltre 150 milioni di dollari.

«È un costo che minaccia la nostra stabilità finanziaria», aveva detto all’epoca Betsy Bohlen, la responsabile dei libri cassa dell’arcidiocesi. Istituita nel 1843, quella di Chicago è una delle più vaste diocesi d’America con oltre 2,3 milioni di cattolici. Risarcirà le vittime vendendo immobili di sua proprietà non più in uso.

Gli 80 milioni passati attraverso la Anderson Associates includono risarcimenti finalizzati negli ultimi giorni per conto di sette vittime di cinque ex sacerdoti - Daniel McCormack, John William Curran, Edward J. Maloney, Robert D. Craig e Robert E. Mayer - con accuse che risalgono fino a 30 anni fa. Tutti e cinque i religiosi sono stati rimossi dalle loro mansioni o spretati, tre di loro sono morti e due condannati per reati sessuali su minori.

«Le vittime devono sapere che, se si fanno avanti, possono trovare qualcuno che crede in loro, oltre a fare qualcosa per proteggere altre vittime in futuro», ha detto Anderson. Tra le vittime assistite dall’avvocato c’è Joe Iacono, un uomo di 68 anni che fu abusato quando ne aveva undici da padre Thomas Francis Kelly in una parrocchia di Northlake.

L’uomo ha pianto quando, in una conferenza stampa, ha raccontato come 15 anni fa contattò Anderson dopo aver letto dei casi di abuso di altri come lui, molestati da preti a Boston quando erano bambini. «È la cosa più difficile che abbia mai fatto. Ma valeva la pena se è servito ad aiutare qualcuno a seguire il mio esempio».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1