Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

Scontri

Gli indigeni a Quito manifestano da ormai 12 giorni contro le misure di austerità governative - Oltre un migliaio di persone arrestate

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

©AP Photo/Fernando Vergara

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
©EPA/Bienvenido Velasco

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

©EPA/Bienvenido Velasco

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
© EPA/Bienvenido Velasco

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

© EPA/Bienvenido Velasco

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
© EPA/Bienvenido Velasco

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

© EPA/Bienvenido Velasco

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
© EPA/Paolo Aguilar

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

© EPA/Paolo Aguilar

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti
©EPA/Paolo Aguilar

Proteste in Ecuador, 8 morti e 1.340 feriti

©EPA/Paolo Aguilar

I 12 giorni di proteste indigene e sociali in Ecuador contro le misure di austerità governative si sono conclusi con un bilancio di otto morti, 1’340 feriti e 1’192 persone arrestate. Lo ha reso noto l’Ufficio dell’Ombusdman (Difensore del popolo) a Quito.

Secondo le informazioni diffuse ufficialmente ieri, la provincia più turbolenta è stata quella settentrionale di Pichincha (532 arresti), seguita da quella di Guayas (310).

Un accordo raggiunto dal governo e dalla Confederazione delle nazionalità indigene dell’Ecuador (Conaie), con l’intermediazione dell’Onu e della chiesa cattolica, per la cancellazione del decreto 883 che annullava il sussidio al carburante, ha permesso l’interruzione delle proteste, la revoca dello stato di emergenza e del coprifuoco a Quito, e l’apertura di un tavolo di dialogo per provvedimenti consensuali di politica economica.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1