Quarant'anni fa il massacro di Jonestown

WASHINGTON - Cade oggi il quarantesimo anniversario del massacro di Jonestown (Guyana nordoccidentale), il più grande suicidio di massa della storia, ordinato dal reverendo Jim Jones, un predicatore statunitense fondatore della congregazione religiosa Tempio del popolo (People's Temple). Jones indusse 909 membri della sua congregazione, tra cui bambini e neonati, a uccidersi ingerendo un cocktail di Flavor Aid al cianuro, dopo aver fatto uccidere un deputato del Congresso americano (ed altri membri della delegazione) sbarcato a Jonestown per verificare cosa accadesse nella sua comunità. Il reverendo venne trovato morto con un colpo di proiettile alla testa, probabilmente auto inflitto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 2
  • 3
    stati uniti

    Nata una bimba da un embrione congelato 28 anni fa

    La nascita ha battuto il record precedente, che appartiene sempre alla stessa coppia adottiva, che aveva fatto nascere nel 2017 un altro embrione sempre risalente al 1992, che era quello della sorella gemella di Molly

  • 4
    Coronavirus

    Hacker contro la distribuzione dei vaccini

    La compagnia IBM ha annunciato che alcuni criminali informatici starebbero raccogliendo informazioni per colpire la catena del freddo necessaria a recapitare le dosi

  • 5
    Pandemia

    L’Italia blinda Natale e Capodanno

    Approvato il nuovo decreto legge COVID: vietati gli spostamenti tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio, se non per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità - A Natale, Santo Stefano e Capodanno vietati gli spostamenti tra Comuni se non per tornare alla propria abitazione

  • 1