Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Di fronte alle richieste pressanti della comunità internazionale arriva la conferma della morte del giornalista - Diciotto persone finite in manette

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

Riad ammette, Khashoggi ucciso nel consolato

RIAD - Di fronte alle richieste sempre più pressanti di chiarimenti da parte della comunità internazionale, l'Arabia Saudita ha ammesso che il giornalista Jamal Khashoggi è stato ucciso - "in una colluttazione" - nel consolato saudita di Istanbul. Ma sulla dinamica dell'episodio, e su dove sia finito il corpo, continua a regnare il mistero.

La televisione di Riad, citando i risultati preliminari di un'inchiesta ufficiale, ha affermato che Khashoggi è deceduto in seguito ad una rissa con alcune persone che lo avevano incontrato per un appuntamento nella sede diplomatica. Diciotto cittadini sauditi sono stati arrestati, mentre è stato rimosso dall'incarico il generale Ahmed al Asiri, uomo di punta dei servizi segreti e consigliere della Corona. La televisione ha aggiunto che il re Salman intende presentare una proposta per riformare i servizi d'Intelligence.

Trump: "Ora si faccia giustizia"

Da Washington è quindi arrivata anche la reazione americana. La spiegazione data dai sauditi sulla morte di Khashoggi per il presidente americano Donald Trump "e' credibile". La Casa Bianca chiede ora a Riad di "fare giustizia tempestivamente, in maniera trasparente e in conformità con un processo equo".

Il New York Times: "Strangolato mentre tentava la fuga"

Jamal Khashoggi "ha tentato di fuggire dal Consolato, lo hanno fermato, preso a pugni. Lui ha iniziato a urlare, allora uno dei presenti lo ha preso per il collo, strangolandolo fino alla morte": lo scrive il New York Times citando un "alto funzionario saudita", il primo a confermare l'assassinio al quotidiano. "C'è un ordine generale del Regno di far rientrare i dissidenti che vivono all'estero. Quando Khashoggi ha contattato il Consolato, il generale Assiri ha inviato il team di 15 uomini", aggiunge la fonte.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1