Roma, ok all'assunzione di 57 mila docenti

ROMA - Il Consiglio italiano dei ministri (Cdm) ha approvato l'autorizzazione ad assumere, a tempo indeterminato, sui posti effettivamente vacanti e disponibili, per l'anno scolastico 2018/2019, 57.322 unità di personale docente, di cui 43.980 docenti su posto comune e 13.342 docenti su posto di sostegno; 46 unità di personale educativo; 212 dirigenti scolastici; 9.838 unità di personale amministrativo e tecnico. Lo rende noto un comunicato stampa del Cdm.

Il 17 luglio scorso il titolare del Ministero italiano dell'istruzione (Miur), il ministro Marco Bussetti, aveva firmato l'apposito decreto con la richiesta di 57.322 assunzioni di docenti per l'anno scolastico 2018/2019.

Per il reclutamento di nuovi dirigenti scolastici è partito nelle scorse settimane, con la prova preselettiva, anche il concorso da 2.452 posti bandito lo scorso novembre. Nel frattempo, per l'anno scolastico 2018/2019, è stata prevista e accolta la richiesta di assunzione di 212 dirigenti dalle graduatorie di precedenti concorsi.

In una intervista di alcuni giorni fa a Quotidiano nazionale Bussetti ha fatto notare che le assunzioni "sono più di quelle dell'anno scorso. E i sindacati lo sanno. Siamo partiti dalla copertura del turn over e cercheremo poi di coprire quanti più posti vacanti possibili".

Per evitare che i docenti chiedano il trasferimento appena un anno dopo il concorso, "l'obiettivo - ha concluso - è bandire concorsi solo dove ci sono posti liberi per le assunzioni, vincolando poi, per un periodo, la permanenza di chi viene assunto".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Proteste

    A Parigi torna il caos

    La tensione è alta oggi nella capitale francese dove, oltre ai contestatori della riforma fiscale, si sono riuniti anche i lavoratori e gli ambientalisti - LE FOTO

  • 2
  • 3
    Egitto

    Proteste in piazza Tahrir contro Al Sisi

    La manifestazione di ieri sera, dispersa dalla polizia che ha fatto uso di gas lacrimogeni, ha visto una partecipazione limitata, ma si è pur sempre trattato del primo segno aperto di dissenso - GUARDA LE FOTO

  • 4
  • 5
  • 1