Migranti

Salvini firma il divieto per Open Arms, ma la nave arriva a Lampedusa

Braccio di ferro tra il ministro dell’Interno che blocca l’ingresso della nave nelle acque territoriali italiane e il Tar - Intanto l’imbarcazione è giunta a ridosso dell’isola

Salvini firma il divieto per Open Arms, ma la nave arriva a Lampedusa
(Foto Keystone)

Salvini firma il divieto per Open Arms, ma la nave arriva a Lampedusa

(Foto Keystone)

ROMA - Nuovo scontro sui migranti in Italia: Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ieri sera ha firmato il divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane per la Open Arms, diversamente dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta.

Lo indica l’agenzia di stampa italiana Ansa, citando fonti del Viminale, secondo cui «la scelta non sorprende, visto che la titolare della Difesa ha ordinato alle navi della Marina Militare di scortare verso il nostro Paese l’imbarcazione spagnola».

Il Tar ieri ha disposto la sospensione del divieto d’ingresso nelle acque territoriali italiane della Open Arms, ma il Viminale contesta la decisione e proporrà un ricorso urgente al Consiglio di Stato. «Ci dirigiamo verso il porto sicuro più vicino in modo che i diritti delle 147 persone, da 13 giorni sul ponte della nostra nave, vengano garantiti», annuncia la stessa Ong che è scortata da navi messe a disposizione da Trenta. Il premier italiano Giuseppe Conte chiede di «mettere in sicurezza i minori» presenti sulla nave. La Spagna, nel frattempo, ha informato la presidenza del Consiglio italiano della propria disponibilità a partecipare alla ridistribuzione dei migranti della Open Arms, una volta sbarcati, rendono noto fonti di Palazzo Chigi.

Intanto la Open Arms è arrivata all’alba vicino a Lampedusa
La nave Open Arms con 147 migranti a bordo è arrivata all’alba di stamane nelle immediate vicinanze di Lampedusa. Diverse motovedette della guardia di finanza e della capitaneria di porto stanno monitorando i movimenti dell’imbarcazione della Ong che si è diretta verso l’isola delle Pelagie, scortata da due navi militari, dopo che il Tribunale amministrativo regionale (Tar) del Lazio ha accolto un suo ricorso, sospendendo il divieto di ingresso nelle acque italiane disposto dal ministro dell’interno Matteo Salvini. Provvedimento rinnovato ieri dal ministro dell’Interno che ha presentato ricorso contro la decisione del Tar ribadendo il suo «no» alla sbarco dei migranti.

Al momento la Open Arms è all’ancora a ridosso dell’isola, nella zona di Cala Francese, a poche Centinaia di metri dall’entrata del porto. Le condizioni del mare non sono buone e, stando alle previsioni, permarranno così per tutta la giornata.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1