Sedicenne trovato morto, l'amico confessa: "Sono stato io"

Emilia-Romagna - Tragico epilogo nelle ricerche di Giuseppe Balboni - Un minorenne interrogato confessa di averlo ucciso con la pistola del padre

Sedicenne trovato morto, l'amico confessa: "Sono stato io"

Sedicenne trovato morto, l'amico confessa: "Sono stato io"

BOLOGNA - Ad uccidere Giuseppe Balboni, 16 anni, è stato un suo amico. Il corpo della vittima, scomparsa da casa il 17 settembre scorso, è stato ritrovato ieri in un pozzo vicino alla casa del compagno, in Valsamoggia, nel Bolognese. Nell'abitazione Giuseppe era entrato lunedì e da quel momento si erano perse le sue tracce. Il padre lo aspettava a casa a Ciano di Zocca, distante dieci chilometri, ma il ragazzo non vi ha mai fatto ritorno e dopo tre giorni, quando i dubbi sono diventati paure, è scattata la denuncia.

A ritrovare il cadavere, ieri poco dopo l'ora di pranzo, sono stati i carabinieri. Ad uccidere il giovane non è però stata la caduta, bensì un colpo di pistola al petto. Ad ucciderlo, come detto, un amico con il quale aveva litigato già diverse volte in passato. Anche questa volta avrebbero dovuto chiarirsi dopo l'ennesima lite ma il 17enne ha aspettato che i genitori andassero al lavoro prima di ricevere Giuseppe, poi ha preso l'arma e ha fatto fuoco nel cortile di casa. Gli ha sparato un solo colpo mortale con la pistola che il padre deteneva regolarmente in casa. Portato in caserma, interrogato e messo davanti all'evidenza dei fatti il giovane, di 17 anni, ha confessato l'omicidio. "Sono stato io, lui ce l'aveva con me, ho avuto paura e ho preso la pistola", ha detto prima di essere portato al centro di prima accoglienza del carcere minorile con un decreto di fermo per omicidio volontario emesso dal procuratore per i minorenni Silvia marzocchi.

Il movente resta da verificare, insieme alle voci di presunti "ricatti", di giri di piccolo spaccio, che si sono sviluppate nei giorni seguenti la scomparsa di Giuseppe Balboni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca