Shell lascia il progetto Artico

La campagna di trivellazioni era oggetto di forti critiche da parte di investitori e figure religiose e politiche - Esultano gli ambientalisti

Shell lascia il progetto Artico
(foto AP)

Shell lascia il progetto Artico

(foto AP)

NEW YORK - Royal Dutch Shell abbandona la campagna di trivellazioni nell'Artico, oggetto di forti critiche da parte di investitori e figure religiose e politiche, quali l'Arcivescovo di Canterbury e Hillary Clinton, la candidata democratica alla Casa Bianca.

Esultano gli ambientalisti che cantano così vittoria, spingendosi anche oltre con la richiesta al presidente americano, Barack Obama, di negare la licenza a qualsiasi altra società per le trivellazioni nell'Artico. I titoli Shell risentono della decisione, e perdono oltre 1,5%.

"Abbiamo trovato indicazioni" di petrolio e gas, ma "non sono sufficienti a garantire future trivellazioni" afferma Shell in una nota, sottolineando che "fermerà l'attività di esplorazione nell'offshore dell'Alaska per il futuro prevedibile. La decisione riflette gli alti costi legati al progetto, e il difficile e imprevedibile contesto regolamentare per l'ambiente nelle coste offshore dell'Alaska".

Lo stop alle trivellazioni si farà sentire sui conti: Shell ha iscritto a bilancio un valore di 3 miliardi di dollari per la sua posizione in Alaska, con ulteriori 1,1 miliardi di dollari per futuri impegni contrattuali. La società ha speso sette miliardi di dollari nello sviluppo nei mari di Chukchi e Beaufort dal 2007.

"Continuiamo a vedere un ampio potenziale nel bacino, e l'area resterà probabilmente di importanza strategica per l'Alaska e gli Stati Uniti. Comunque, questo è chiaramente un risultato deludente per l'esplorazione di questa parte dell'area" mette in evidenza Shell che, pur mostrando grandi speranze per il programma, ha più volte ribadito che lo avrebbe abbandonato se non avesse trovato petrolio durante l'estate. Un addio costoso: Shell ha ottenuto la licenza per esplorare nel mare di Chukchi nel 2008 ed è andata avanti con il progetto quando i prezzi del petrolio erano a 100 dollari al barile.

L'annuncio di Shell arriva mentre l'avvio della produzione dell'Eni nel giacimento di Goliat, nel mare di Barents (acque norvegesi) è "imminente". Secondo quanto riportata il Financial Times, "partirà entro poche settimane" e sarà di 100.000 barili al giorno. L'Eni non ha dato una scadenza precisa per l'avvio del giacimento, ma l'ha comunque definito "uno degli obiettivi principali del 2015".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1