Tragedia

Si suicida dopo le accuse di infedeltà in tv

L’uomo era stato ospite del programma britannico «Jeremy Kyle Show», nel quale lo avevano sottoposto ai test della verità e del dna - La trasmissione è stata sospesa

 Si suicida dopo le accuse di infedeltà in tv

Si suicida dopo le accuse di infedeltà in tv

LONDRA - Suicida dopo una piazzata televisiva su un presunto tradimento coniugale. Si chiarisce la follia della vicenda che ha innescato la sospensione in Gran Bretagna del Jeremy Kyle Show, una delle trasmissioni trash di punta nel Regno Unito fra quelle dedicate a far spettacolo su dispute tra familiari o conoscenti, e la polemica diventa subito bufera.

La trasmissione - regina del daytime con una media del 22% di share - è stata sospesa ieri da Itv, la rete che l’aveva in palinsesto dal 2005, sulla scia della notizia (inizialmente vaga) della «morte» di un partecipante avvenuta «una settimana dopo la registrazione» dell’episodio che avrebbe dovuto riguardarlo. Ma a mano a mano che vengono fuori i dettagli, lo sdegno monta. E nel mondo politico d’oltremanica c’è chi sembra scoprire all’improvviso gli effetti potenzialmente perversi della televisione più urlata e impudica, fino a invocare apertamente la chiusura definitiva del programma incriminato.

I giornali hanno svelato il nome della vittima di questa tragedia che a molti osservatori appare un segno dei tempi. La vittima si è tolta la vita sette giorni dopo essersi prestata a difendersi di fronte alla rumorosa platea dello show, presentato con toni ruvidi quanto caustici dall’azzimato e popolarissimo Jeremy Kyle, da una presunta accusa d’infedeltà della fidanzata. Accusa che l’uomo, poco più che 60enne, aveva respinto disperatamente, accettando di sottoporsi in favore di telecamera anche al test della verità (fallendolo, secondo il Daily Mail) e del dna.

La registrazione non era ancora andata in onda e non accadrà in futuro, ha assicurato ieri Itv: rendendo noto d’aver sospeso tout court lo show in seguito all’accaduto, evocando il senso di «shock e tristezza» da parte dell’intero staff e promettendo un’inchiesta accurata sul «grave» epilogo dei fatti.

Rassicurazioni che tuttavia non bastano più, a giudicare dalle reazioni di commentatori, intellettuali e parlamentari.

«Questo è uno spartiacque, siamo andati troppo oltre e sarebbe estremamente sensato» se Itv optasse per la decisione di chiudere una volta per tutte il Jeremy Kyle Show, ha tagliato corto il deputato conservatore Charles Walker, noto per aver avuto il coraggio di parlare in pubblico dei suoi problemi passati di depressione e salute mentale e oggi presidente di un comitato bipartisan a Westminster per la prevenzione dei suicidi e dell’autolesionismo. Coloro che partecipano a questo genere di programmi - quando si tratta di vicende genuine e non di messinscene - «non sono in effetti ospiti, bensì vittime», ha incalzato, aggiungendo di «non voler infierire su Jeremy Kyle, che probabilmente si sente già abbastanza male di suo», ma invitando il presentatore, «un uomo di talento», a «fare altro». «Il Jeremy Kyle Show deve diventare un ricordo», ha concluso.

Appena più sfumata la reazione di Damian Collins, presidente della commissione Digitale e Media alla Camera dei Comuni, che ha sottolineato «le responsabilità delle emittenti tv» affinché «le persone vulnerabili non siano esposte» al pubblico ludibrio e ha annunciato audizioni ad hoc. «Noi ci occupiamo di valutare solo i programmi trasmessi, ma questo - gli ha fatto eco un portavoce dell’Ofcom, autorità indipendente britannica di controllo sui media - è chiaramente un caso angosciante che deve diventare una priorità per Itv». E forse non solo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1