«Sparate al principe Harry, ha sposato una donna di razza mista»

Orrore

Condannati al carcere due giovani neonazisti inglesi: incoraggiavano a commettere atti terroristici - Usavano il web per diffondere odio razziale, scene di stupro, esecuzioni e frasi come: «Le bianche che frequentano i neri sono da impiccare»

«Sparate al principe Harry, ha sposato una donna di razza mista»
(foto Reguzzi)

«Sparate al principe Harry, ha sposato una donna di razza mista»

(foto Reguzzi)

LONDRA - Usavano i social network per spingere gli utenti a commettere atti terroristici, anche nei confronti del principe Harry, a cui bisognava sparare perché colpevole - secondo loro - di aver sposato una donna di razza mista. Due giovani neonazisti sono finiti in carcere con l’accusa di reati legati al terrorismo. I due, 18 e 19 anni, facevano parte di un gruppo chiamato «Sonnenkrieg Division», attraverso cui facevano una propaganda online «criminale e aberrante», come ha affermato il giudice della Central Criminal Court di Londra. I due si erano dichiarati colpevoli lo scorso aprile, dopo un’inchiesta della BBC, e oggi è arrivata la sentenza. Al 18.enne sono stati dati 18 mesi di detenzione e l’obbligo di seguire un programma di recupero. Mentre il 19 è stato condannato a più di 4 anni di carcere. Tra i bersagli della loro propaganda terrorista c’era anche il principe Harry, definito un «traditore della razza». I giovani inoltre glorificavano la strage dell’assassino norvegese Anders Breivik, diffondevano odio contro gli ebrei e consideravano da impiccare le donne bianche che frequentano uomini di colore. Tra il materiale «violento e minaccioso» diffuso, anche scene di stupri ed esecuzioni. Stupri che - come scritto su un blog dal 19.enne - avrebbero dovuto essere commessi anche nei confronti di bambini. Durante il processo è emerso come il gruppo non fosse solo confinato «dietro la tastiera», ma rappresentava una seria minaccia pronta all’azione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1

    La situazione degenera: nuovi scontri a Belgrado

    Manifestazione

    Migliaia di dimostranti antigovernativi sono tornati a radunarsi in Serbia - La protesta, inizialmente pacifica, è sfociata nel lancio di oggetti verso la polizia e attacchi ai giornalisti

  • 2
  • 3

    Oltre 600 migranti sbarcano a Lampedusa

    Italia

    Nelle ultime 24 ore una ventina di imbarcazioni hanno raggiunto l’isola, il cui «hot spot» è ormai quasi al collasso: il problema ora è trovare strutture per la quarantena

  • 4

    Il Mose separa le acque a Venezia

    Opera idraulica

    Il sistema di 78 «scudi» mobili destinati ad evitare le maree ha avuto il primo test ufficiale davanti al premier italiano Giuseppe Conte - FOTO e VIDEO

  • 5

    Situazione «quasi fuori controllo» in Libano

    crisi

    È l’avvertimento lanciato dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani - Il Paese sta vivendo la peggiore crisi economica della sua storia, aggravata dalla pandemia e da un delicato contesto politico, connotato tra le altre cose dalle tensioni tra i filo-iraniani Hezbollah e gli Stati Uniti

  • 1
  • 1