Tav, c’è il via libera di Conte

Il premier: «Si farà, fermare il progetto costerebbe più che completarlo» -Il presidente del Consiglio annuncia che lʼUe aumenterà lo stanziamento dal 40% al 55%

Tav, c’è il via libera di Conte
Foto Keystone

Tav, c’è il via libera di Conte

Foto Keystone

ROMA - Non realizzare la Tav costerebbe più che completare il progetto. Lo ha affermato il premier Giuseppe Conte, confermando il via libera da parte del governo alla linea Torino-Lione «in difesa degli interessi nazionali». In vista della «risposta da dare all’Europa entro venerdì», il presidente del Consiglio ha annunciato che l’Ue «si è detta disponibile ad aumentare lo stanziamento dal 40% al 55%, cosa che ridurrebbe i costi per l’Italia».

Conte ha poi evidenziato che la decisione di non realizzare l’opera «ci esporrebbe a tutti i costi derivanti dalla rottura dell’accordo con la Francia». «A queste condizioni solo il Parlamento potrebbe adottare una decisione unilaterale» per fermare il progetto, visto che la ratifica dell’accordo sulla Tav è stata operata dal Parlamento.

«Ne consegue che, se volessimo bloccare l’opera, e se fosse possibile intraprendere un progetto alternativo, non potremmo farlo con la Francia. Non potremmo confidare, come si dice in questi casi, in un mutuo dissenso», ha aggiunto il premier.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1