Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

SIRIA

Il presidente americano Trump si difende dalle accuse di aver abbandonato gli alleati curdi - Intanto il Senato americano pensa a imporre sanzioni alla Turchia

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»
© AP/Lefteris Pitarakis

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

© AP/Lefteris Pitarakis

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»
© Epa/Str

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

© Epa/Str

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Trump: «I curdi non ci aiutarono nella Seconda Guerra mondiale»

Dopo che la Turchia ha dato il via all’offensiva di terra, oltrepassando il confine e penetrando nel nord della Siria, fioccano le accuse verso il presidente Donald Trump di aver tradito gli alleati curdi, fondamentali nella lotta all’Isis. Ma Trump non ci sta, e pur facendo sapere di «amare» i curdi, precisa anche che «non hanno aiutato» gli Usa nella Seconda guerra mondiale e nello sbarco in Normandia. «I curdi si battono per la loro terra», ha proseguito il presidente americano, sottolineando che comunque gli Stati Uniti hanno fornito loro una grande quantità di soldi, munizioni ed armi. «Detto questo, amiamo i curdi», ha aggiunto.

Il Senato pensa a sanzioni contro la Turchia
Intanto, un’iniziativa bipartisan è stata lanciata al Senato per imporre sanzioni alla Turchia se non ritira il suo esercito dalla Siria nella sua operazione contro le forze curde. L’obiettivo è imporre all’amministrazione Trump di congelare i beni in Usa dei più alti dirigenti turchi, compreso il presidente Erdogan e i suoi ministri degli esteri, della difesa, delle finanze, del commercio e dell’energia. Le misure punitive colpirebbero anche le entità straniere che vendono armi ad Ankara, come pure il settore energetico turco.

«Colpite 181 postazioni»
Questa mattina, il ministero della Difesa turco ha annunciato che le forze militari turche «hanno colpito finora 181 postazioni delle organizzazioni terroristiche nel nordest della Siria nel corso dell’Operazione Fonte di pace» scattata ieri. Poco dopo l’annuncio di Ankara dell’inizio dell’offensiva di terra, il portavoce dell’SDF (le Forze Democratiche Siriane dominate dalle milizie curde YPG) Mustafa Bali ha detto dal canto suo su Twitter che «l’offensiva terrestre delle forze turche è stata respinta dai combattenti dell’SDF a Tal Abyad».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1