Trump riapre ai rifugiati

Un decreto pone fine al bando - Inseriti criteri di selezione molto più severi rispetto al passato

Trump riapre ai rifugiati

Trump riapre ai rifugiati

NEW YORK - Donald Trump ha varato l'atteso decreto con cui il presidente americano riammette l'ingresso dei rifugiati negli Stati Uniti, ma introducendo criteri di selezione molto più stringenti rispetto al passato.

E prevedendo in particolare controlli ancor più duri per i cittadini di undici Paesi le cui domande saranno valutate caso per caso. Questi paesi però non vengono per ora identificati dalle autorità Usa. Il decreto pone quindi fine al bando che il presidente americano aveva varato quattro mesi fa.

I nuovi controlli rafforzati per i rifugiati che fanno domanda di ingresso negli Stati Uniti comprendono la raccolta di ulteriori informazioni sulla propria vira e la propria famiglia, lo scambio di informazioni tra le varie agenzie federali, l'invio di agenti anti-frode all'estero per verifiche sul posto. In alcuni casi i controlli potrebbero durare anche anni.

"La sicurezza del popolo americano è la più alta priorità del governo", ha commentato il segretario ad interim per la Sicurezza interna Elaine Duke.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Manifestazione

    La situazione degenera: nuovi scontri a Belgrado

    Migliaia di dimostranti antigovernativi sono tornati a radunarsi in Serbia - La protesta, inizialmente pacifica, è sfociata nel lancio di oggetti verso la polizia e attacchi ai giornalisti

  • 2
  • 3
    Italia

    Oltre 600 migranti sbarcano a Lampedusa

    Nelle ultime 24 ore una ventina di imbarcazioni hanno raggiunto l’isola, il cui «hot spot» è ormai quasi al collasso: il problema ora è trovare strutture per la quarantena

  • 4
    Opera idraulica

    Il Mose separa le acque a Venezia

    Il sistema di 78 «scudi» mobili destinati ad evitare le maree ha avuto il primo test ufficiale davanti al premier italiano Giuseppe Conte - FOTO e VIDEO

  • 5
    crisi

    Situazione «quasi fuori controllo» in Libano

    È l’avvertimento lanciato dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani - Il Paese sta vivendo la peggiore crisi economica della sua storia, aggravata dalla pandemia e da un delicato contesto politico, connotato tra le altre cose dalle tensioni tra i filo-iraniani Hezbollah e gli Stati Uniti

  • 1