Turchia: 866 arresti per 'terrorismo' in 7 giorni

ISTANBUL - Non si fermano gli arresti di massa in Turchia con accuse di terrorismo. Nell'ultima settimana, sono 866 le persone finite in manette in operazioni condotte in tutto il Paese.

La gran parte (585) è accusata di legami con la rete di Fethullah Gulen, che Ankara ritiene responsabile del tentativo di colpo di stato del 15 luglio 2016. Tra i detenuti ci sono anche 212 presunti affiliati al Pkk curdo, 38 a gruppi illegali di estrema sinistra e 31 all'Isis. Lo fa sapere il ministero dell'Interno.

La scorsa estate, il governo turco ha ulteriormente inasprito la normativa antiterrorismo, con un provvedimento che secondo le opposizioni rende di fatto "permanente" lo stato d'emergenza post-golpe, formalmente revocato a luglio dopo due anni in cui sono state arrestate decine di migliaia di persone.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    stati uniti

    Rinviata la prima esecuzione federale

    Lo ha deciso a poche ore dalla prevista iniezione letale un giudice distrettuale, sottolineando come ci siano ancora diverse questioni legali da chiarire prima che il boia federale, inattivo da 17 anni, rientri in azione per volere di Trump

  • 2
  • 3
  • 4
    coronavirus

    «L’immunità non sembra durare»

    Il livello di anticorpi può drasticamente diminuire nel giro di pochi mesi, esponendo ad un possibile secondo contagio: è la preoccupante conclusione a cui è giunto uno studio condotto dal King’s College sulla risposta immunitaria di oltre 90 ex ammalati

  • 5
    stati uniti

    Rapper ucciso ad Atlanta

    Lil Marlo, 30 anni, è stato trovato morto nella sua auto - La polizia crede che si tratti di un omicidio mirato

  • 1