Un attacco terroristico approfittando dei gilet gialli

I quattro uomini sono stati fermati: avrebbero pianificato l'attentato per sabato scorso, mentre la polizia francese era impegnata con proteste e blocchi stradali

Un attacco terroristico approfittando dei gilet gialli

Un attacco terroristico approfittando dei gilet gialli

PARIGI - Quattro uomini sono stati posti in stato di fermo con l'accusa di aver pianificato un'azione terroristica per sabato scorso, il giorno dei blocchi stradali in tutta la Francia da parte dei gilet gialli.

"Scorrerà il sangue il 17 novembre" è uno degli sms indirizzati da uno dei 4 alla fidanzata. È stato proprio il messaggio a spingere gli inquirenti dell'antiterrorismo a rompere gli indugi e procedere agli arresti, il 13 novembre scorso.

Fra i 4, secondo Le Parisien, ci sono due fratelli di 23 e 35 anni noti radicalizzati, una terza persona di 52 anni, più il presunto ispiratore del gruppo, un venticinquenne già coinvolto un anno e mezzo fa in un caso di terrorismo.

Uno dei due fratelli stava cercando di procurarsi un fucile kalashnikov, mentre a casa di uno degli altri componenti del gruppo è stato rinvenuto un fucile da caccia e delle cartucce. Uno dei quattro avrebbe ammesso di aver pianificato di compiere un'impresa approfittando del fatto che poliziotti e gendarmi sarebbero stati assorbiti dai blocchi stradali dei gilet gialli.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Cambiamenti climatici

    Taglio di emissioni insufficiente: solo l’1%

    Secondo l’ONU, l’impegno dei Paesi non è abbastanza, bisognerebbe ridurre l’emissione di gas serra del 45% per mantenere l’aumento delle temperature entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali

  • 2
  • 3
    social network

    Twitter verso i contenuti a pagamento

    La piattaforma starebbe lavorando a un servizio di abbonamento in cui gli utenti pagherebbero contenuti speciali da account di alto profilo

  • 4
    gran bretagna

    La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa

    La Corte Suprema di Londra ha rovesciato il verdetto emesso in luglio in appello: alla 20.enne non sarà permesso di rientrare nel Paese dopo essere fuggita nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato

  • 5
    africa

    Rapite oltre 300 studentesse in Nigeria

    Nuovo attacco da parte di uomini armati in una scuola di Jangebe, nello Stato di Zamfara: settimana scorsa 42 persone e a dicembre altri 300 ragazzi sono stati sequestrati in vari centri scolastici del Paese

  • 1