Unicef: «1 bambino su 5 vive in zone di guerra»

Emergenza

Nel 2018 il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia ha risposto a 285 emergenze umanitarie in 90 paesi nel mondo

Unicef: «1 bambino su 5 vive in zone di guerra»
(Foto Keystone)

Unicef: «1 bambino su 5 vive in zone di guerra»

(Foto Keystone)

ROMA - Un bambino su cinque vive in un’area colpita da conflitti e il numero di Paesi coinvolti in guerre interne o internazionali è il più alto degli ultimi 30 anni. La denuncia è dell’Unicef che in un comunicato sottolinea che le conseguenze dei conflitti hanno continuato a intensificarsi nel 2018. Sempre l’anno scorso l’Unicef ha risposto a 285 emergenze umanitarie in 90 paesi nel mondo, fornendo supporto salvavita a milioni di bambini. Per il 2019 il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia chiede 3,9 miliardi per supportare il suo lavoro per i bambini nelle crisi umanitarie. Ad oggi, c’è una forte carenza di fondi: al 31 maggio, l’appello d’emergenza dell’Unicef aveva ricevuto solo il 24% dei fondi richiesti, cosa che potrebbe colpire gli aiuti umanitari nei luoghi in cui sono maggiormente necessari. I bisogni in alcune aree sono aumentati a causa degli effetti del cambiamento climatico, come si è visto recentemente in Mozambico in seguito ai cicloni e dove l’Unicef e i partner sono impegnati.

Uno sfollamento diffuso, la distruzione di infrastrutture civili e impatti devastanti sul benessere fisico e psicologico dei bambini sono avvenuti soprattutto in Paesi in cui i conflitti e le conseguenti crisi umanitarie sono durati per anni, come in Afghanistan, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Iraq, Libia, Mali, Myanmar, Nigeria, Somalia, Sud Sudan, Siria, Ucraina e Yemen. La durata media delle crisi umanitarie è di oltre 9 anni.

L’Unicef nel 2018 ha risposto a diverse crisi, fra le quali 87 crisi sanitarie come l’epidemia di ebola in Repubblica Democratica del Congo; 68 crisi sociopolitiche come i conflitti violenti in Siria, Yemen e Nigeria nordorientale; 80 calamità naturali, come terremoti ed eventi meteorologici estremi quali siccità e inondazioni; 22 crisi nutrizionali, fra cui livelli d’emergenza di malnutrizione infantile in paesi come Sud Sudan e Yemen.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1

    Boris Johnson in terapia intensiva

    covid-19

    Il primo ministro britannico, in ospedale da domenica sera per «sintomi persistenti» da coronavirus, è stato trasferito in cure intense dopo che questo pomeriggio le sue condizioni sono peggiorate - Gli subentra il ministro degli Esteri Dominic Raab

  • 2

    «Craccato» il codice genetico umano

    scoperte

    L’esperimento di biologia sintetica è stato condotto sulle staminali del sangue e apre nuovi scenari per lo studio dei meccanismi alla base delle malattie - I ricercatori hanno ottenuto delle cellule capaci di produrre proteine mai viste prima

  • 3

    Mascherine, l’OMS tira dritto

    Sanità

    Il loro uso generalizzato è consigliato solo per quei Paesi in cui è più difficile lavarsi le mani, per mancanza d’acqua - «Da sole non fermano la pandemia»

  • 4

    La Turchia trasforma due aeroporti in ospedali

    covid 19

    Si tratta dello scalo Ataturk, chiuso dallo scorso anno ai voli commerciali, e di quello a Sancaktepe - Le due nuove strutture saranno completate entro 45 giorni e avranno una capacità di circa mille posti letto

  • 5

    In Italia calano ancora i ricoverati in terapia intensiva

    pandemia

    Secondo gli ultimi dati della Protezione civile, attualmente sono 3.898 i pazienti nei reparti, 79 in meno rispetto a ieri, mentre i contagi sono aumentati di quasi 2 mila nelle ultime ventiquattro ore - Segnali incoraggianti arrivano anche dalla Lombardia

  • 1
  • 1