Waikiki Beach invasa dai liquami

A causa delle forti piogge la rete fognaria non ha retto, aiutata anche dai residenti che hanno aperto i tombini

HONOLULU - Una delle spiagge più famose al mondo è stata invasa dai liquami. Waikiki Beach a Honolulu è off limits a causa di oltre due milioni di metri cubi di liquami che sono finiti in mare dopo che le fogne non hanno retto a causa delle forti piogge.

Le autorità hanno messo in guardia turisti e residenti invitandoli a non bagnarsi. "Non sappiamo cosa ci sia in acqua - ha detto una portavoce dell'amministrazione comunale. Ma c'è il rischio di prendere infezioni serie e di ammalarsi".

Secondo quanto scrive NBC News la fuoriuscita in mare di liquami sarebbe stata provocata dagli stessi residenti, i quali hanno aperto i tombini per impedire che l'acqua finisse per allagare le loro abitazioni e le loro auto. In questo modo la pioggia ha allagato la rete fognaria.

Waikiki è sede degli alberghi più importanti dello stato delle Hawaii, le quali vivono soprattutto di turismo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 2
    ITALIA

    Caso Luca Morisi, si va verso l’archiviazione

    L’ex guru della comunicazione della Lega e inventore della «Bestia» di Salvini non avrebbe procurato il flacone di «droga dello stupro» trovato nell’auto di due ragazzi che con lui avevano passato la notte

  • 3
    PANDEMIA

    L’efficacia del vaccino calerà con Omicron?

    Secondo il CEO di Moderna, Stéphane Bancel, le cui parole hanno avuto un forte impatto sui mercati facendo cadere borse e petrolio, la diminuzione sarà «sostanziale» – La biochimica di BionTech Katalin Kariko: «È presto per dirlo, servono dati e tempo, ma non sono pessimista»

  • 4
  • 5
    Il caso

    La pandemia degli oppioidi: la morte corre sul Dark Web

    Negli Stati Uniti, gli effetti della COVID-19 causano un aumento esponenziale del consumo di antidolorifici e di morti per overdose - Sotto accusa anche i medici e il sistema di prescrizione dei farmaci - Negli ultimi anni individuati in Rete almeno una ventina di prodotti illeciti

  • 1