Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici

Germania

La polizia ha bloccato oggi diversi gruppi di manifestanti scesi in strada prima del congresso di Alternative für Deutschland

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici
© EPA/FOCKE STRANGMANN

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici

© EPA/FOCKE STRANGMANN

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici
© EPA/CLEMENS BILAN

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici

© EPA/CLEMENS BILAN

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici

Dimostranti in piazza a Berlino contro gli euroscettici

Poco prima dell’inizio del congresso annuale di Alternative für Deutschland (Afd), il partito euroscettico tedesco, gruppi di dimostranti hanno bloccato le strade di accesso al luogo dove si svolge la conferenza a Braunschweig.

La polizia si aspetta che nella città della Germania centrale possano arrivare tra i 10 mila ed i 12 mila manifestanti contro la formazione dell’estrema destra tedesca e diverse manifestazioni sono previste nel corso della giornata.

Nei due giorni di Congresso Afd dovrà scegliere la nuova leadership del partito, nato con un forte messaggio anti-immigrati, dal momento che l’attuale leader Alexander Gauland, 78.enne cofondatore della formazione, presenterà le sue dimissioni dal ruolo di copresidente. Una mossa che potrebbe avere come risultato un rafforzamento dell’ala più radicale del partito.

Le dimissioni di Gauland, che al momento guida anche il gruppo di Afd al Bundestag, potranno innescare uno scontro interno tra le forze più moderate e quelle che spingono per uno spostamento ulteriore a destra del partito. In particolare, la fazione più a destra guidata da Bjoern Hoecke, spera di poter rafforzare la sua presenza in seno al comitato esecutivo di 13 membri del Partito.

In questo quadro Tino Chrupalla, membro del parlamento regionale della Sassonia, è emerso come possibile candidato del compromesso. Ma è emersa anche la candidatura di Gottfried Curio, deputato di Afd che in un video ha lanciato l’allarme sul rischio di «auto dissoluzione» dello stato nazionale tedesco.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1