«È inutile contare sull’Europa, al momento è del tutto assente»

L’intervista

Michela Mercuri, docente di Geopolitica del Medio Oriente all’Università Cusano di Roma, fa il punto sulla nuova ondata di sbarchi - Dall’Italia alla Spagna il flusso dei profughi provenienti dal Nord Africa non si ferma e la politica comunitaria latita

«È inutile contare sull’Europa, al momento è del tutto assente»

«È inutile contare sull’Europa, al momento è del tutto assente»

«È inutile contare sull’Europa, al momento è del tutto assente»
Una delle tante barche colme di migranti salpate di recente dalle coste del Nord Africa e dirette verso l’isola di Lampedusa. ©EPA/ANSA

«È inutile contare sull’Europa, al momento è del tutto assente»

Una delle tante barche colme di migranti salpate di recente dalle coste del Nord Africa e dirette verso l’isola di Lampedusa. ©EPA/ANSA

Non si ferma il flusso di migranti che dalla Libia e dalla Tunisia attraversano il mar Mediterraneo a bordo di barche e gommoni per attraccare sulle coste italiane e iberiche. Ieri sera a Lampedusa ne sono approdati altri 140 mentre dall’enclave di Melilla in Spagna ne sono entrati 230. Michela Mercuri, docente di Geopolitica a Roma e autrice di libri sul tema, focalizza i risvolti politici di questa grave emergenza.

L’impennata degli sbarchi estivi dalla Libia e dalla Tunisia verso la Sicilia e Malta rimarca la gravità di un problema che l’UE non riesce ad affrontare in modo coordinato. Per il prossimo futuro quali sono le proposte più convincenti finora avanzate dagli Stati membri?

«Per ora non ci sono state proposte concrete. L’Italia resta al palo e dovrà continuare a gestire da sola gli...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1