È morto Attilio Maseri, il cardiologo di Elisabetta II e Wojtyla

medicina

Il medico di fama internazionale e docente all’Università San Raffele di Milano è deceduto all’età di 85 anni

È morto Attilio Maseri, il cardiologo di Elisabetta II e Wojtyla
© Web

È morto Attilio Maseri, il cardiologo di Elisabetta II e Wojtyla

© Web

E’ morto a Pavia di Udine all’età di 85 anni Attilio Maseri, cardiologo di fama internazionale, docente all’Università San Raffaele di Milano, presidente della fondazione benefica «Per il tuo cuore» e filantropo. E’ stato cardiologo personale della regina Elisabetta II e di Giovanni Paolo II.

Laureatosi all’università degli studi di Padova, Maseri si era specializzato a Pisa in Cardiologia e medicina nucleare, per trasferirsi poi alla Columbia University di New York. Nel 1979 venne chiamato all’università di Londra come professore ordinario alla Royal medical school e nel ‘91 rientrò a Roma come professore ordinario di cardiologia e direttore dell’istituto di Cardiologia del Policlinico Gemelli, l’ospedale dove curò, proprio nel suo reparto, Papa Giovanni Paolo II dopo l’attentato di cui fu vittima.

Impegnato anche nel sociale, da sempre attento alle nuove generazioni, Maseri era molto legato a Udine. Nel 2013 aveva donato all’ateneo friulano la biblioteca Florio, contenente oltre 12’000 volumi e manoscritti raccolti dalla metà del Settecento, e nel 2018 aveva ceduto sempre all’Università lo storico Palazzo Antonini-Maseri, ex sede della Banca d’Italia, che porta, appunto, anche il suo nome.

Autore di più di 750 articoli e testi di medicina su riviste specializzate e internazionali, Maseri aveva ricevuto numerosi premi e onorificenze tra cui la Medaglia d’oro ai benemeriti della Scienza e della Cultura e il titolo di Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana nel 2005.

«Se ne va un amico vero della città di Udine», ha dichiarato il sindaco del capoluogo friulano Pietro Fontanini, esprimendo il cordoglio del Comune e della cittadinanza. Fontanini gli conferì la cittadinanza onoraria.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1