Ebola, quattro morti nella Repubblica Democratica del Congo, si teme la diffusione

africa

La popolazione è contraria alle misure sanitarie - Il 18 novembre del 2020 il Paese aveva annunciato la fine dell’undicesima epidemia che aveva causato il decesso di 55 persone su 130 casi registrati

Ebola, quattro morti nella Repubblica Democratica del Congo, si teme la diffusione
© AP/Al-hadji Kudra Maliro

Ebola, quattro morti nella Repubblica Democratica del Congo, si teme la diffusione

© AP/Al-hadji Kudra Maliro

Quattro persone sono morte a causa del virus Ebola dalla sua recrudescenza nell’est della Repubblica Democratica del Congo, dove la popolazione è contraria alle misure sanitarie, il che fa temere una significativa diffusione dell’epidemia. Lo rendono noto fonti ufficiali.

Dalla ricomparsa dell’epidemia il 7 febbraio «abbiamo già registrato sei casi di Ebola. Abbiamo perso quattro pazienti. Due sono morti venerdì e sabato. Continuiamo a prenderci cura di due pazienti in cura presso il CTE (Centro di cura Ebola) a Katwa», ha detto il dottor Eugène Syalita, ministro provinciale della salute per il Nord Kivu (est). Altri due pazienti sono morti il 3 e il 10 febbraio.

«Alcune famiglie rifiutano categoricamente che le loro case siano disinfettate come pure sepolture dignitose e sicure», si è rammaricato il dottor Syalita. Come in passato, la popolazione di questa regione rifiuta di credere all’esistenza di Ebola e si oppone ai cambiamenti imposti per evitare contaminazioni come evitare di toccare i malati o non lavare i cadaveri dei malati.

Il 18 novembre 2020, la Repubblica democratica del Congo aveva annunciato la fine ufficiale dell’undicesima epidemia di Ebola nella provincia dell’Equatore, che ha causato la morte di 55 persone su 130 casi registrati.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2

    Praga ora è un po’ meno spettrale

    Repubblica Ceca

    La diminuzione dei contagi ha permesso al Governo di Andrej Babis di allentare le restrizioni - Riaprono i negozi, mentre ristoranti e bar sono accessibili con l’asporto fino alle 22 - Per ragioni di sicurezza gli incontri al di fuori della cerchia famigliare restano limitati a due persone

  • 3
  • 4
  • 5

    Lo stop di Johnson & Johnson

    Domande e risposte

    Sei casi sospetti di embolia su 7 milioni di pazienti vaccinati hanno fatto scattare l’allarme e il blocco del farmaco - La Svizzera aveva omologato non molto tempo fa il prodotto americano ma non ha ordinato alcuna dose preferendo utilizzare Pfizer e Moderna

  • 1
  • 1