Evade da un COVID hotel calandosi dalla finestra

Australia

Un uomo è fuggito da un albergo preposto alle quarantene con una fune improvvisata fatta di lenzuola annodate: la polizia lo ha arrestato dopo otto ore

Evade da un COVID hotel calandosi dalla finestra
© Shutterstock

Evade da un COVID hotel calandosi dalla finestra

© Shutterstock

Un uomo è fuggito da un hotel australiano dove era stato posto in quarantena calandosi da una finestra con una fune improvvisata fatta di lenzuola annodate. Ma la sua fuga-evasione - avvenuta a Perth, riferisce la polizia - non è durata neanche un giorno: solo otto ore dopo, infatti, è stato arrestato ed accusato tra l’altro di violazione delle direttive sanitarie dello Stato.

Il 39enne Travis Jay Myles era giunto in aereo nella capitale dell’Australia Occidentale da Brisbane (Queensland) lunedì pomeriggio, ma l’ingresso gli era stato rifiutato perché non rientrava nelle esenzioni per entrare nello Stato e gli era stato ordinato di ripartire il giorno successivo, con l’obbligo di isolamento in albergo.

Poco dopo la mezzanotte di lunedì, però, Myles ha messo in atto la rocambolesca fuga da una finestra del quarto piano dell’albergo, solo per ritrovarsi già martedì pomeriggio davanti al tribunale della città in collegamento video: l’uomo, che è poi risultato negativo al tampone, dovrà adesso trascorrere in carcere 14 giorni di quarantena, al termine dei quali dovrà comparire in corte di persona.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1