Facebook tiene fuori Trump

Social media

Il consiglio di sorveglianza dell’azienda americana ha confermato la messa al bando dell’ex presidente - Si torna quindi a parlare di libertà di parola e di censura - Joseph Russomanno (Arizona State University): «Vogliamo una discussione libera ma senza incitamenti alla violenza»

 Facebook tiene fuori Trump
©AP Photo/Alex Brandon

Facebook tiene fuori Trump

©AP Photo/Alex Brandon

Quando i sostenitori di Donald Trump, il 6 gennaio, iniziarono ad assaltare il Campidoglio per sospendere la certificazione del voto elettorale, Nancy Costello, direttrice del First Amendment Clinic di Michigan University e professoressa di legge, non poteva credere alle sue orecchie. «Ero in viaggio con mia figlia in macchina e abbiamo sentito la cronaca alla radio», dice al Corriere del Ticino, ripercorrendo quei momenti. La decisione dei social media, nelle ore successive, di bannare i profili dell’allora presidente non la sorprese. «E non sono sorpresa nemmeno da quanto è stato decretato in queste ore sul ban di Facebook: le azioni sono legittime perché rientrano nell’ambito della legge sulla libertà di parola».

Le violazioni

Alle prime ore del mattino, l’Oversight Board di Facebook e Instagram...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1