Fauci: «I primi dati su Omicron sono un po’ incoraggianti»

Pandemia

Il virologo americano ha dato una cauta rassicurazione sui rischi della nuova variante del coronavirus: «La malattia non sembra così grave come temuto inizialmente»

 Fauci: «I primi dati su Omicron sono un po’ incoraggianti»
©AP Photo/Susan Walsh

Fauci: «I primi dati su Omicron sono un po’ incoraggianti»

©AP Photo/Susan Walsh

Anthony Fauci ha dato una cauta rassicurazione sui rischi della variante Omicron, affermando che i primi dati sulla gravità della mutazione del virus del coronavirus sono «un po’ incoraggianti».

La mutazione, «secondo dati preliminari» - ha detto ai media USA - potrebbe non risultare una malattia così grave come temuto inizialmente.

«E’ troppo presto per dare un giudizio definitivo - ha poi messo in guardia il consigliere medico del presidente Biden - e dobbiamo essere davvero molto attenti prima di determinare se Omicron è più o meno grave rispetto a Delta, ma sinora i segnali sono un po’ incoraggianti».

Anthony Fauci ha inoltre dichiarato che la necessità del bando ai viaggi con il Sudafrica ed altri paesi dello stesso continente viene valutato quotidianamente dall’amministrazione USA.

Lo scienziato ha ricordato che il blocco ai viaggi è stato istituto quando si «era all’oscuro» completamente della gravità dei rischi portati dalla variante Omicron del coronavirus che si stava diffondendo velocemente in Sudafrica.

«Ora, abbiamo più informazioni che vengono analizzate ogni giorno sui casi sia negli Stati Uniti che nel resto del mondo e le analizziamo con grande attenzione. Speriamo di poter essere in grado di eliminare il bando in un periodo di tempo ragionevole», ha aggiunto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1