Fiamme nel porto di Ancona

Italia

Un rogo di vaste proporzioni è divampato nella notte - Dal capannone in cui si è sviluppato l’incendio si è innalzata una densa colonna di fumo - VIDEO

Fiamme nel porto di Ancona
©Twitter/Arianna Moroni

Fiamme nel porto di Ancona

©Twitter/Arianna Moroni

Un incendio di vaste proporzioni è divampato, per causa ancora in corso di accertamento, nella zona portuale di Ancona.

Le fiamme sono partite intorno alle 00:35 da un capannone. Sul posto sono intervenute diverse squadre dei Vigili del fuoco di Ancona, Macerata e Pesaro con autobotti e autoscale. Si sono sentiti anche dei boati. Non ci sono vittime né feriti.

Dall’incendio, che si è sviluppato nell’area ex Tubimar, dove ci sono varie attività, si è levata una densa colonna di fumo che è ancora nell’aria. Sul luogo sono intervenuti anche mezzi delle forze dell’ordine, che hanno ‘cinturato’ la zona.

Le fiamme avrebbero distrutto alcuni camion e le strutture dei capannoni interessati, dove potrebbero trovarsi solventi, vernici e altri materiali potenzialmente tossici. Nella zona ci sono una ditta che produce azoto liquido, una centrale elettrica, un impianto di metano.

L’incendio è stato circoscritto, ma le operazioni di spegnimento sono ancora in corso. Sul luogo anche mezzi della Protezione civile della Regione Marche e del Comune di Ancona.

Tenere le finestre chiuse in via precauzionale, in attesa dei risultato delle analisi dell’Arpam e dell’Asur. E’ il consiglio dato dal Comune di Ancona dopo l’incendio divampato nel porto, nell’area ex Tubimar. Il centro città è ancora invaso dal fumo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2
  • 3

    Mascherina fatale per un pinguino

    brasile

    Gli ambientalisti sono preoccupati per il crescente aumento dei «rifiuti della pandemia», che rappresentano una nuova minaccia per la fauna marina sempre più vulnerabile

  • 4

    Amal Clooney si dimette per protesta

    gran bretagna

    La moglie di George e avvocato impegnato nella difesa dei diritti umani lascia l’incarico di emissario speciale del Foreign Office britannico per la libertà d’informazione nel mondo dicendosi «sconcertata» dal progetto di legge presentato da Boris Johnson sul dopo Brexit

  • 5
  • 1
  • 1