Fuggito dal carcere «l’omicida-vampiro», nei guai i secondini

kenya

L’uomo, che aveva confessato di aver ucciso almeno 12 bambini, era atteso in tribunale: solo a questo punto i poliziotti ne hanno notato la sparizione

Fuggito dal carcere «l’omicida-vampiro», nei guai i secondini
© Shutterstock

Fuggito dal carcere «l’omicida-vampiro», nei guai i secondini

© Shutterstock

Tre poliziotti del Kenya sono oggi in custodia per la sparizione del serial killer reo confesso descritto come «vampiro assetato di sangue» a tre mesi dal suo arresto, come ha detto un funzionario della polizia. Masten Milimo Wanjala è stato arrestato lo scorso 14 luglio in relazione alla sparizione di due bambini, e in una confessione ha ammesso di averne uccisi almeno altri dieci nell’arco di cinque anni.

Il 20.enne, che ha massacrato le proprie vittime nei modi più crudeli, in alcuni casi succhiandone il sangue dalle vene prima di giustiziarle, era atteso in tribunale ieri per l’omicidio a sangue freddo di due minorenni di 12 e 13 anni, quando i poliziotti hanno notato la sua sparizione durante l’appello del mattino.

Tre erano gli agenti in servizio alla stazione di polizia di Nairobi dove Wanjala era detenuto, come ha riferito il comandante della polizia regionale Augustine Nthumbi, specificando che la ricerca dell’evaso è in corso.

Il ragazzo in fuga drogava le sue vittime, le dissanguava e in alcuni casi le strangolava. Wanjala non si è mai mostrato pentito per queste efferatezze, dicendo anzi agli inquirenti di averne tratto «un grande piacere».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1