Giovane ucciso dopo aver attaccato la polizia

Russia

Il 16.enne avrebbe accoltellato un agente e tentato di incendiare una centrale di polizia

Giovane ucciso dopo aver attaccato la polizia
©Shutterstock

Giovane ucciso dopo aver attaccato la polizia

©Shutterstock

La polizia russa ha ucciso un ragazzo di 16 anni che avrebbe accoltellato un agente e tentato di incendiare una stazione di polizia a Kukmor, in Tatarstan. Lo riporta la testata online Meduza, secondo cui il Comitato Investigativo russo ha aperto un’indagine per «tentativo di atto terroristico» e «attentato alla vita di un membro delle forze dell’ordine». Secondo le autorità, l’adolescente avrebbe attaccato la stazione di polizia nella notte con una molotov e inflitto non meno di tre coltellate a un agente. Secondo il Comitato Investigativo russo, un poliziotto ha sparato diversi colpi di avvertimento e ha poi sparato al giovane, uccidendolo. Il ministero dell’Interno fa sapere che l’agente accoltellato è ricoverato in ospedale ma non è in pericolo di vita.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1