Gli indesiderati cittadini lombardi e le contraddizioni italiane

Il punto

La regione più popolosa e ricca si trova in una antipatica situazione di isolamento - In Italia la COVID-19 a livello di contagi è infatti un problema quasi esclusivamente della Lombardia

Gli indesiderati cittadini lombardi e le contraddizioni italiane
EPA/MATTEO BAZZI

Gli indesiderati cittadini lombardi e le contraddizioni italiane

EPA/MATTEO BAZZI

Il 3 giugno un residente in Lombardia non potrà liberamente recarsi in Canton Ticino, ma è quasi certo che non potrà andare nemmeno in altre Regioni italiane, nonostante per quella data sia prevista la riapertura senza limiti della circolazione interna. La regione più popolosa e ricca d’Italia, con un PIL pro capite simile a quello svizzero, si trova così in una antipatica situazione di isolamento. Gli ultimi dati della Protezione Civile dicono che ieri in Lombardia ci sono stati 384 nuovi casi di contagio da COVID-19, martedì erano stati 159. Senza il solito giochetto dei numeri (esempio: secondo la Regione i nuovi casi sarebbero «soltanto» 216) è interessante notare che in tutta Italia ieri i contagiati sono aumentati di 584. In altre parole, in Italia la COVID-19 è un problema al 65% lombardo,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Coronavirus
  • 2 Stefano Olivari
Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1