«I cyber attacchi sono possibili anche in basi missilistiche»

L’intervista

Dall’Iran alla Cina, l’impiego della rete a fini militari o di spionaggio è in crescita

«I cyber attacchi sono possibili anche in basi missilistiche»
Gli attacchi cibernetici sono sempre più numerosi e insidiosi. ©CdT

«I cyber attacchi sono possibili anche in basi missilistiche»

Gli attacchi cibernetici sono sempre più numerosi e insidiosi. ©CdT

Giovedì 16 luglio il Governo britannico ha accusato Mosca di essere dietro il gruppo di hacker che ha preso di mira le piattaforme su cui i ricercatori occidentali si scambiano informazioni sui vaccini contro il coronavirus. Sugli ultimi sviluppi negli attacchi informatici abbiamo sentito Pierluigi Paganini, uno dei massimi esperti di sicurezza informatica.

È possibile identificare i responsabili di questi attacchi?

«Con gli anni si sono affinate le tecniche per individuare l’autore di un attacco informatico. Si analizzano i centri di comando utilizzati dagli attaccanti, le modalità di attacco, i codici malevoli che sono utilizzati (ossia software malevoli in grado di intrufolarsi in un computer o in una rete ndr) e gli obiettivi presi di mira. Facendo la somma di questi elementi l’esperto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1