Il Colorado manda in pensione il boia

Pena di morte

È il 22.esimo stato USA a farlo, al termine di anni di dibattito e accese polemiche

 Il Colorado manda in pensione il boia
Il governatore Jared Polis. ©AP/DAVID ZALUBOWSKI

Il Colorado manda in pensione il boia

Il governatore Jared Polis. ©AP/DAVID ZALUBOWSKI

Il Colorado è il 22esimo Stato degli Usa a mandare in pensione il boia. Al termine di anni di dibattito e fra accese polemiche, il governatore Jared Polis firma la legge che abolisce la pena di morte, commutando allo stesso tempo nel carcere a vita senza possibilità di libertà su cauzione la sentenza delle uniche tre persone ancora nel braccio della morte.

Si tratta di poco più che trentenni, responsabili dell’uccisione di diverse persone ad Aurora fra la fine degli anni 1990 e gli inizi del 2000. Polis li definisce «spregevoli e colpevoli», ma spiega come la commutazione della loro pena riflette il fatto che «la pena di morte nello Stato del Colorado non può e non è mai stata gestita in modo equo».

S

La spiegazione del governatore non soddisfa le famiglie delle vittime e spacca la popolazione. «Con un colpo di penna, Polis ha sequestrato la giustizia e messo in pericolo il nostro sistema penale», tuona la senatrice democratica Rhonda Fields che ha perso il figlio sotto i colpi di arma da fuoco sparati da due dei tre omicidi.

Dure le critiche anche di George Brauchler, il procuratore generale della contea di Arapahoe, dove i tre uomini sono stati processati. Braucheler bolla l’abolizione della pena di morte e la commutazione delle pene come «opportunismo politico. Nel mezzo di una pandemia il governatore spazza via i verdetti unanimi di tre diverse giurie sui peggiori omicidi nella storia dello stato». Poi aggiunge: l’abolizione farà solo «sorridere i terroristi, i serial killer, gli assassini di bambini e tutti quelli che si trovano in carcere e decideranno di uccidere ancora».

La posizione di Braucheler riflette l’opinione di parte della popolazione dello Stato e dell’America, l’unico paese del mondo occidentale dove vige la pena capitale. Il tema è talmente delicato che è off limits - vista la sua spigolosità - anche per i candidati democratici alla Casa Bianca. I sondaggi mostrano infatti chiaramente una spaccatura dell’opinione pubblica sul tema: secondo un sondaggio di Gallup dell’ottobre 2019, il 56% degli americani è favorevole alla pena capitale nei confronti degli assassini a fronte di un 42% contrario.

Insomma una divisione netta che, negli ultimi anni, ha spostato il dibattito sulla sua attuazione: alla luce della mancanza di farmaci per l’iniezione letale a essere più popolare è il dibattito su quali metodi alternativi usare per la pena capitale.

La pena di morte in Colorado era stata ripristinata nel 1976 e da allora nello Stato c’è stata solo un’esecuzione, nel 1997.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1