Il dietrofront dei repubblicani: ora puntano il dito contro i no-vax

stati uniti

I conservatori moltiplicano gli appelli alla popolazione a farsi vaccinare - Un cambio di strategia in vista delle elezioni di medio termine - L’esperto: «Temono che chi è protetto se la prenda con chi rifiuta la somministrazione e, quindi, anche con il partito»

Il dietrofront dei repubblicani: ora puntano il dito contro i no-vax
© EPA/ETIENNE LAURENT

Il dietrofront dei repubblicani: ora puntano il dito contro i no-vax

© EPA/ETIENNE LAURENT

È successo tutto nel giro di una settimana. Prima il leader dei repubblicani al Senato, Mitch McConnell, a chiedere a tutti di vaccinarsi «per non sacrificare i progressi fatti». Poi il numero due dei conservatori alla Camera, Steve Scalise, a farsi fotografare in un centro vaccinale. Nel mezzo i moniti dei governatori repubblicani della Florida, Ron DeSantis e dell’Alabama Kay Ivey. E l’intervento nel suo show di Sean Hannity, influente volto dell’emittente conservatrice Fox News, a implorare le persone a «credere nella scienza». I vertici del partito repubblicano, con il dilagare della variante Delta negli Stati Uniti, hanno ribaltato in fretta il proprio messaggio pubblico sui vaccini. Se negli scorsi mesi sono stati timidi nel promuoverlo, ora fanno l’opposto: «La leadership repubblicana...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1