Il Messico fa mea culpa con i Maya

Cerimonia

Il Governo ha presentato ufficialmente le sue scuse per i torti commessi contro il popolo indigeno dopo la conquista spagnola

Il Messico fa mea culpa con i Maya
© Shutterstock

Il Messico fa mea culpa con i Maya

© Shutterstock

Il governo del Messico ha ufficialmente presentato le sue scuse al popolo indigeno Maya, per i torti commessi contro di loro dopo la conquista spagnola. Queste scuse, che coincidono con i 500 anni della Conquista, sono state formulate ieri su iniziativa del presidente messicano Andrés Manuel López Obrador e del suo omologo guatemalteco Alejandro Giammattei nel comune di Felipe Carrillo Puerto, nello stato sudorientale di Quintana Roo.

«Ci scusiamo con il popolo Maya per i terribili abusi commessi da individui e potenze nazionali e straniere durante la conquista, i tre secoli di dominio coloniale e i due secoli di Messico indipendente», ha detto López Obrador riferendosi in particolare alla Guerra delle caste del XIX secolo. Durante la cerimonia, il governo messicano ha riconosciuto inoltre il razzismo e la discriminazione che questa minoranza etnica soffre ancora, due secoli dopo l’indipendenza del Paese.

La costruzione del Treno Maya, progetto di punta dell’attuale governo messicano, è stata menzionata durante la cerimonia e ha attirato fischi da parte dei residenti. Nel giugno 2020, Lopez Obrador ha dato il via libera alla costruzione della linea lunga 1.500 chilometri che dovrebbe attraversare diverse parti della penisola dello Yucatan, dove si trova la località di Cancun. Diverse organizzazioni rifiutano però il progetto, sostenendo che causerà danni all’ambiente e a diverse comunità indigene in questa regione

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    L’esercito israeliano entra a Gaza

    medio oriente

    Truppe di cielo e di terra stanno attualmente attaccando la Striscia - Netanyahu: «Andremo avanti per tutto il tempo necessario» - Le forze di difesa israeliane hanno ordinato ai cittadini di entrare nei rifugi antiaereo - In agenda una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite

  • 2
  • 3

    Assalto al Congresso, arrestato un marine

    Capitol Hill

    È il primo militare in servizio attivo perseguito per questo attacco - Tra le 440 persone finite in manette anche 4 riservisti della Guardia Nazionale e una quarantina di soldati in pensione

  • 4

    Israele ammassa le truppe al confine con Gaza

    conflitto

    L’esercito ha fatto sapere che i piani per un ingresso via terra nella Striscia sono già pronti: la guerra con Hamas rischia così di scivolare in uno scontro diretto sul campo

  • 5
  • 1
  • 1