Il paese di Babbo Natale abbandonato dai turisti

Finlandia

A causa delle restrizioni sui viaggi il paese di Rovaniemi non ha accolto la solita folla di visitatori da tutto il mondo

Il paese di Babbo Natale abbandonato dai turisti
© Shutterstock

Il paese di Babbo Natale abbandonato dai turisti

© Shutterstock

La pandemia di coronavirus danneggia anche Babbo Natale. A causa delle restrizioni sui viaggi il paese di Rovaniemi, la casa di Santa Claus nel nord della Finlandia, non ha accolto la solita folla di turisti da tutto il mondo. Lo riporta il Guardian.

Un afflusso che di solito va avanti per tutto l’anno. Ad agosto, ad esempio, ha visitato il villaggio il 78% di persone in meno rispetto all’anno scorso. Con grossi danni per tutte le imprese locali

La Finlandia, che ha registrato pochissimi casi di coronavirus, ha adottato le misure tra le più rigide in Europa per evitare l’arrivo di stranieri. Dal 5 ottobre il governo finlandese ha stabilito che devono rimanere due settimane in quarantena tutti i cittadini provenienti dalla Svizzera, ma anche da Italia, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Islanda, Austria, Grecia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Portogallo, Polonia, Francia, Svezia, Germania, Slovacchia, Slovenia, Danimarca, Repubblica Ceca, Ungheria ed Estonia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Disordini anche a New York

    usa

    Le proteste per l’uccisione di Walter Wallace da parte della polizia sono arrivate anche nella Grande mela - Gli scontri erano cominciati a Filadelfia, città dove è morto il 27.enne afroamericano con problemi mentali

  • 2
  • 3

    «Non rinunceremo mai ai nostri valori»

    francia-islam

    Gabriel Attal, portavoce del Governo francese, si è espresso riguardo alla «libertà di satira e di espressione» - Furiosi per le caricature di Maometto, sempre più Paesi del Medio Oriente condannano la presa di posizione di Macron

  • 4
  • 5

    Avviata una procedura giudiziaria contro Charlie Hebdo

    turchia

    La procura generale di Ankara si è mossa contro il periodico satirico francese a causa della pubblicazione, in giornata, di una caricatura del presidente Erdogan - L’avvocato del leader turco aveva già denunciato un politico olandese per aver diffuso un’immagine simile

  • 1
  • 1