Il prete Olivier Maire è morto per «colpi violenti» alla testa

Francia

Il sacerdote è stato ucciso nella notte tra domenica a lunedì a Saint-Laurent-Sur-Sèvre: l’esame «non ha permesso di determinare la natura dell’arma del delitto»

 Il prete Olivier Maire è morto per «colpi violenti» alla testa
©Shutterstock

Il prete Olivier Maire è morto per «colpi violenti» alla testa

©Shutterstock

Il sacerdote Olivier Maire, ucciso nella notte tra domenica a lunedì a Saint-Laurent-Sur-Sèvre, nella regione francese della Vandea, è morto per «colpi violenti» alla testa.

Lo ha riferito la procura di La Roche-sur-Yon, dopo l’autopsia effettuata presso l’istituto forense di Nantes.

L’esame ha evidenziato che «la vittima presentava sei lesioni, tutte localizzate alla testa, provocate da violenti colpi» ma l’esame «non ha permesso di determinare la natura dell’arma del delitto».

Intanto dalle indagini è emerso anche che Emmanuel Abayisenga, ruandese che ha confessato dell’omicidio un anno dopo essersi auto accusato dell’incendio nella cattedrale di Nantes, è una persona «psicologicamente instabile», ma non aveva mai creato problemi nella piccola comunità del paese dove era stato accolto dal sacerdote.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1