«Il processo di Norimberga cambiò la storia»

Storia

«Il diritto internazionale fino a quel momento era stato una questione degli Stati, non degli individui», ha detto il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier celebrando i 75 anni dall’evento

«Il processo di Norimberga cambiò la storia»
©EPA/DANIEL KARMANN

«Il processo di Norimberga cambiò la storia»

©EPA/DANIEL KARMANN

Senza il processo di Norimberga non ci sarebbe oggi la Corte internazionale dell’Aja. Portare alla sbarra i gerarchi nazisti di Adolf Hitler fu «un atto rivoluzionario», che cambiò la storia del mondo. È quello che ha detto il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier celebrando stasera a Norimberga i 75 anni dall’avvio di un avvenimento cruciale nella resa dei conti della storia con la Germania nazista. Quando gerarchi nazionalsocialisti del calibro di Hermann Goering, il capo della Luftwaffe, e Joachim von Ribbentrop, ministro degli Esteri, furono sottoposti a giudizio per i crimini commessi servendo il brutale regime del Terzo Reich, costato milioni e milioni di morti su scala globale.

Fu infatti a Norimberga, nella sala 600 del palazzo di giustizia di una delle città simbolo del nazionalsocialismo, che per la prima volta dovettero rendere conto dei loro crimini gli esponenti di uno Stato, sancendo così che il rispetto dei diritti umani fondamentali dovesse prevalere anche sulle leggi.

Il 20 novembre del 1945 iniziò il processo per 21 nazisti di alto rango: sarebbe durato un anno, fino all’ottobre del ‘46, e avrebbe portato a 12 condanne a morte. Successivamente, fino al ‘49, si sarebbe tenuto il secondo gruppo di processi di Norimberga, per altri 12 esponenti del nazionalsocialismo: stavolta erano imprenditori, medici, giuristi.

«Il processo principale a carico dei criminali nazisti fu una rivoluzione. Non scrisse solo la storia del diritto, scrisse la storia del mondo», ha detto stasera intervenendo a una cerimonia chiusa al pubblico a causa del Covid il presidente Steinmeier. «Il diritto internazionale fino a quel momento era stato una questione degli Stati, non degli individui». Fu la pietra di posa di un nuovo diritto internazionale.

«Senza il processo di Norimberga non avremmo oggi il tribunale internazionale dell’Aja», ha aggiunto, ricordando che Usa, Russia, Cina, India e diversi altri Stati non vi hanno aderito. E gli Stati Uniti d’America, la sottolineatura, che avevano promosso il processo di Norimberga, «nell’amministrazione ancora in carica hanno lavorato attivamente contro questo tribunale».

«Senza Norimberga signori della guerra della Serbia, della Croazia o del Ruanda non sarebbero stati condannati per sterminio di massa, tortura, stupro. E anche il genocidio non sarebbe un reato perseguibile».

Alla cerimonia sono stati inviati anche video messaggi dei ministri degli Esteri di Francia, Usa, Gran Bretagna e Russia, le potenze vincitrici della Seconda Guerra Mondiale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Violenza sulle donne: nei taxi arriva il «panic button»

    india

    Il dispositivo dovrebbe garantire la sicurezza delle donne durante gli spostamenti in taxi o in auto rickshaw (i caratteristici taxi a tre ruote): in caso di emergenza, premendo il bottone, una richiesta di soccorso viene inoltrata direttamente alla polizia

  • 2

    In Italia altri 23.232 contagi e 853 morti

    pandemia

    Rispetto ai dati di ieri, il numero di casi resta sostanzialmente stabile, mentre si assiste ad un’impennata dei decessi (+223) - Per la prima volta dall’inizio della seconda ondata cala il numero di ricoverati: sono 34.577, 120 meno di ieri

  • 3
  • 4

    «Sì, le mascherine possono frenare il coronavirus»

    La ricerca

    Emerge da uno studio dell’università nazionale di Singapore: se utilizzate correttamente da almeno il 70% della popolazione possono rallentare la diffusione del virus, fino all’eradicazione della pandemia

  • 5

    Nuove accuse da Londra, il produttore rischia un altro processo

    caso weinstein

    Rivelazioni su «abusi orrendi» sono state fatte da una ex aspirante regista - La Corte d’appello londinese dovrà decidere nei prossimi giorni se trasformarle in imputazioni vere e proprie - Harvey Weinstein era già stato condannato a New York a 23 anni per gli abusi sessuali venuti a galla con il movimento «MeToo»

  • 1
  • 1