Il sito dell’OMS preso d’assalto dagli hacker per spionaggio

L’allarme

L’emergenza coronavirus fa emergere anche attacchi alla sicurezza informatica - Le valutazioni dell’esperto Pierluigi Paganini

Il sito dell’OMS preso d’assalto dagli hacker per spionaggio
Hacker in azione anche ai tempi del coronavirus. © Archivio CdT

Il sito dell’OMS preso d’assalto dagli hacker per spionaggio

Hacker in azione anche ai tempi del coronavirus. © Archivio CdT

Nell’ultimo mese gli attacchi degli hacker al sito dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sono raddoppiati. L’identità degli autori degli attacchi non è ancora stata chiarita. Su questi assalti e sulle minacce che pesano sui sistemi informatici ai tempi del coronavirus abbiamo sentito il parere di Pierluigi Paganini, esperto di sicurezza informatica e Chief Technology Officer di Cybaze SpA.

Che ipotesi si possono fare sul motivo di tali attacchi?

«Gli attacchi contro i sistemi dell’OMS ritengo abbiano finalità di spionaggio, gli hacker infatti hanno preso di mira le caselle di posta di funzionari dell’OMS probabilmente alla ricerca di informazioni su protocolli farmaceutici per la cura del COVID-19 e su sperimentazioni in corso di farmaci. Queste informazioni sono di interesse strategico...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1