Il Sud Sudan «ne ha abbastanza»: nata una coalizione per un cambiamento politico

africa

La Coalizione del popolo per l’azione civile (PCCA) auspica che i cittadini che vivono nel Paese e all’estero si mobilitino e «facciano sentire le loro voci», avvisando che in mancanza di cambiamento la nazione potrebbe tornare al conflitto

Il Sud Sudan «ne ha abbastanza»: nata una coalizione per un cambiamento politico
Veduta aerea di Giuba, la capitale del Sud Sudan. / © Shutterstock

Il Sud Sudan «ne ha abbastanza»: nata una coalizione per un cambiamento politico

Veduta aerea di Giuba, la capitale del Sud Sudan. / © Shutterstock

Per la prima volta nella storia del Sud Sudan una coalizione di gruppi della società civile costituita da accademici, avvocati, donne, giovani e altre rappresentanze ha avviato una campagna per chiedere un cambiamento politico dopo dieci anni di indipendenza del Paese al motto «Ne abbiamo abbastanza».

La nazione più giovane del mondo, infatti, combatte per riemergere da una guerra civile, cui sono seguite un’instabilità cronica e una crisi acuta dovuta alla fame.

La Coalizione del popolo per l’azione civile (PCCA) auspica che i cittadini che vivono in Sud Sudan e all’estero si mobilitino e «facciano sentire le loro voci», avvisando che in mancanza di cambiamento la nazione potrebbe tornare al conflitto.

«Invitiamo tutti i cittadini del Sud Sudan a unirsi in migliaia alla coalizione», ha detto Rajab Mohandis, rappresentante del PCCA, durante una conferenza stampa nella capitale Juba. «Ne abbiamo abbastanza di guerra, corruzione, insicurezza, difficoltà economiche, negligenza pubblica e leadership fallimentare», ha accusato ancora Mohandis riferendosi alla leadership dell’attuale presidente, Salva Kiir, «che ha completamente fallito nella sua responsabilità». Se i cittadini non agiscono, ha concluso, il Paese perderà altri dieci anni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1