Il vero champagne? È solo russo

Il caso

Grazie a un emendamento appena approvato soltanto i produttori locali potranno mostrare il nome «champagne» sulle bottiglie: uno schiaffo in pieno viso ai francesi, da anni in guerra con il mondo intero per difendere qualità e denominazione

Il vero champagne? È solo russo
© Shutterstock

Il vero champagne? È solo russo

© Shutterstock

La notizia risale a venerdì. Vladimir Putin, proprio lui, ha dato il via libera a un emendamento destinato a far discutere. In Russia e, soprattutto, in Francia. Banalmente, la legge sulla regolamentazione delle bevande alcoliche è stata modificata. Testo alla mano, da Kaliningrad a Vladivostok soltanto i produttori russi avranno il diritto (e il privilegio) di mostrare il nome «champagne» sulle bottiglie. Gli altri, quelli che arrivano da fuori, potranno al massimo puntare a un terribile «vino spumante». Bollicine amare, già. L’emendamento, in particolare, non considera minimamente la protezione della denominazione francese «Champagne AOC».

Un mercato importante

Le reazioni, in Francia, non sono mancate. Moët-Hennessy, per il fine settimana appena trascorso, ha sospeso le esportazioni verso la Russia. In una lettera destinata ai suoi clienti russi, alla quale ha avuto accesso il quotidiano economico Vedomosti, il gruppo francese ha annunciato il nuovo corso. Tradotto: dobbiamo procedere con una nuova certificazione dei prodotti e l’intera operazione ci costerà diversi milioni di rubli. Urca. Alla fine, avranno pensato, meglio piegarsi alle richieste di Putin che perdere un mercato del genere. Per dire: la Russia ogni anno importa qualcosa come 50 milioni di litri fra spumante e champagne. E il 13% arriva dalla Francia, con il marchio Moët-Hennessy che da solo vale il 2%.

Fra abitudini e Stalin

L’emendamento, in un certo senso, è la diretta conseguenza di un’abitudine oramai radicata. In Russia il termine «champagne» è usato senza complessi di sorta e senza distinzioni per tutti i vini frizzanti. Alla fine degli anni Trenta, ad esempio, Stalin fece creare uno champagne «sovietico». E lo fece produrre in massa, perché tutti i compagni potessero beneficiarne e, allargando il discorso, perché si sentissero un po’ occidentali. Quantomeno per il tempo di un bicchiere.

Caduta l’Unione Sovietica, lo champagne autoctono è stato declassato a spumante di bassa lega sebbene popolarissimo. Soprattutto nelle occasioni speciali. E, dicevamo, è stato chiamato champagne anche dopo la caduta del comunismo. Un fatto mai digerito dai produttori francesi, difesi dal Comitato interprofessionale del vino di Champagne (CIVC) e da anni in guerra contro tutto e tutti nel mondo per difendere questa denominazione controllata.

L’amore di Putin per le bollicine

Ora, le autorità russe vorrebbero ridare valore e dignità ai produttori locali. In particolare quelli della Crimea, che hanno conosciuto una seconda giovinezza dopo l’annessione della penisola nel 2014 e la piena apertura al mercato di Mosca. Non è un caso, figuriamoci, se la marca faro – Novy Svet – appartiene a un amico di Putin, l’uomo d’affari Yury Kovalchuk. Amante ed esperto di viticoltura, il presidente russo lo scorso gennaio aveva fatto esplodere le quotazioni di un altro gigante del mercato interno, Abrau-Durso. E come? Semplicemente, affermando che dopo la sua carriera politica avrebbe lavorato volentieri in questa azienda.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Lotta all’ultimo voto fra Scholz e Laschet

    germania

    A cinque giorni dalle elezioni in Germania, i conservatori di Armin Laschet recuperano e riducono il distacco dai socialdemocratici di Olaf Scholz. I tre punti di distanza potrebbero anche portare a un risultato diverso da quello atteso nelle ultime settimane, dal momento che un 30% degli elettori risulta ancora indeciso.

  • 2
  • 3
  • 4

    Continua l’eruzione del Cumbre Vieja

    canarie

    La lava espulsa dal vulcano si sta addentrando nel nucleo urbano di Todoque - i cui circa 1.200 abitanti sono già stati evacuati - mentre avanza, lentamente ma inesorabilmente, verso la costa

  • 5

    Ventenne ucciso per aver rimproverato il mancato uso della mascherina

    germania

    A un distributore di benzina di Idar Oberstein, il 20.enne aveva redarguito un 49.enne per non aver rispettato la misura sanitaria - Prelevata da casa una pistola, l’uomo è tornato alla stazione di servizio e ha freddato il giovane con un colpo alla testa - Indignazione nel mondo politico tedesco

  • 1
  • 1