In Cina 897 persone colpite dal virus: 26 i morti

Sanità

Mobilitati i medici militari a Wuhan - Una donna di Chicago è la seconda infetta negli Stati Uniti - La ong francese Sos Medecins ha in cura un paziente rientrato dall’Asia

In Cina 897 persone colpite dal virus: 26 i morti
©AP Photo/Ahn Young-joon

In Cina 897 persone colpite dal virus: 26 i morti

©AP Photo/Ahn Young-joon

(Aggiornata alle 17.22) Sono 897 i casi accertati in Cina di contagio del nuovo coronavirus nCOV-2019, mentre i morti si sono attestati a quota 26: è l’ultimo bollettino aggiornato alle 22 locali (15 in Svizzera) diffuso dai media cinesi.

Tra le quasi 40 province, regioni e municipalità speciali che compongono amministrativamente la Cina, solo il Tibet risulta ancora privo di casi.

Mobilitati i medici militari

L‘Esercito di liberazione popolare, le forze armate cinesi, ha dispiegato un totale di 150 medici della Seconda università militare di medicina negli sforzi per contenere la diffusione del nuovo coronavirus a Wuhan. Secondo quanto riportano i media cinesi, il personale è stato già impegnato, tra l’altro, nell’unità intensiva del Wuhan Pulmonary Hospital.

Secondo infetto negli Usa

Le autorità sanitarie americane hanno confermato il secondo caso di coronavirus negli Stati Uniti. Si tratta di una donna di Chicago tornata dalla città cinese di Wuhan, dove si trova il focolaio dell’infezione. Le persone tenute attualmente sotto controllo negli Usa sono 63. Le autorità sanitarie americane hanno confermato il secondo caso di coronavirus negli Stati Uniti. Si tratta di una donna di Chicago tornata dalla città cinese di Wuhan, dove si trova il focolaio dell’infezione. Le persone tenute attualmente sotto controllo negli Usa sono 63.

I controlli sui casi sospetti, informano i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), sono attualmente in corso in ben 22 stati Usa. «Crediamo che al momento i rischi immediati per i cittadini americani siano bassi, anche se la situazione si sta evolvendo rapidamente», ha detto la la direttrice del Centro nazionale per l’immunizzazione Nancy Messonier.

Il primo caso negli Stati Uniti era stato accertato nei giorni scorsi in un ospedale di Seattle, nello stato di Washington.

Caso sospetto a Bordeaux

Un caso sospetto di contagio da coronavirus cinese è segnalato a Bordeaux. Lo riferisce l’ong francese Sos Medecins, citato da Le Figaro. La ong, che ha in cura il paziente, ha spiegato che si è presentato con sintomi di febbre e tosse, ed era rientrato dalla Cina, attraverso l’Olanda.

Ed era stato in contatto con delle persone a Wuhan. L’Agence Région d’Hospitalisation ha dichiarato di non poter negare o confermare questi fatti. Per il ministro della Salute Agnès Buzyn al momento «in Francia non si è verificato alcun caso».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1