In Francia spostamenti limitati a un’ora e 1 km da casa

pandemia

Il premier francese Jean Castex ha illustrato i dettagli delle nuove misure che scatteranno alla mezzanotte e daranno avvio al secondo lockdown

In Francia spostamenti limitati a un’ora e 1 km da casa
© EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

In Francia spostamenti limitati a un’ora e 1 km da casa

© EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

Durante il secondo lockdown in Francia non si potrà andare oltre 1 km da casa e gli spostamenti saranno limitati a un’ora. Lo ha detto il premier francese, Jean Castex, illustrando in una conferenza stampa i dettagli delle nuove misure anti-Covid che scatteranno alla mezzanotte.

Gli spostamenti sono consentiti per portare i figli a scuola (tutte le scuole resteranno infatti aperte), per l’attività fisica o per passeggiate con gli animali domestici. Per quanto riguarda lo sport all’aperto, sono consentite solo le pratiche individuali come il jogging, mentre le palestre resteranno chiuse.

Non sarà possibile, ha sottolineato il premier, fare visita ad amici o parenti, né gli assembramenti, ma resteranno aperti parchi, giardini e spiagge. Per gli spostamenti sarà necessario esibire un’autocertificazione.

Le frontiere esterne dell’Ue resteranno chiuse, mentre quelle interne rimarranno aperte. Ma chiunque arriverà sul territorio francese dovrà mostrare un test negativo effettuato nelle 72 ore precedenti, oppure dovrà farlo all’arrivo in Francia, ha ancora detto Castex. Non sarà possibile inoltre «viaggiare all’interno del territorio nazionale, nemmeno per spostarsi nelle seconde case», ha aggiunto.

Il governo incoraggia il ricorso al massimo dello smartworking. «Ovunque sia possibile, il telelavoro dovrà essere la regola», ha detto il premier francese. Resteranno aperti, e quindi con la presenza dei dipendenti, gli sportelli degli uffici pubblici.

Le scuole, dall’asilo nido al liceo, resteranno aperte con un «protocollo rafforzato» in termini di misure anti-Covid, ha spiegato da parte sua il ministro dell’istruzione Jean-Michel Blanquer. Tra le principali novità, l’uso della mascherina in classe diventa obbligatorio per i bambini dai 6 anni in su, mentre finora era imposto solo a partire dalla prima media.

Inoltre, gli ingressi e le uscite da scuola saranno scaglionati per evitare il più possibile che gli alunni si incontrino, così come le ricreazioni, che avverranno per gruppi. Resteranno operative le mense scolastiche, mantenendo la distanza di almeno 1 metro tra i ragazzi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1