In Italia 17.083 casi e 343 morti

Pandemia

I tamponi effettuati sono 335.983: il tasso di positività scende al 5,1% - Bologna, Ancona e parte del Piemonte in zona rossa

 In Italia 17.083 casi e 343 morti
©AP Photo/Cecilia Fabiano

In Italia 17.083 casi e 343 morti

©AP Photo/Cecilia Fabiano

(Aggiornato alle 19.25) Sono 17.083 i test positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i positivi erano stati 13.114. Le vittime giornaliere sono 343, ieri erano state 246. Sono stati effettuati 335.983 tamponi (molecolari e antigenici) per il coronavirus. Ieri i test erano stati appena 170.633. Il tasso di positività odierno è di quasi il 5,1%, con un calo del 2,6 rispetto al 7,6% di ieri. Sono 2.327 i pazienti in terapia intensiva, in aumento di 38 unità nel saldo quotidiano tra ingressi e uscite, secondo i dati del ministero della Salute. Gli ingressi giornalieri sono stati ben 222. I pazienti ricoverati nei reparti ordinari sono invece 19.570 , in aumento di 458 unità rispetto a ieri.

Bologna in zona rossa

Bologna e la sua provincia saranno zona rossa da giovedì fino al 21 marzo. Lo ha annunciato il sindaco Virginio Merola, dopo la decisione unanime dei sindaci, condivisa dalla Regione che a breve firmerà l’ordinanza. Chiusi anche i nidi e le scuole d’infanzia, oltre alle attività commerciali non essenziali.

Ancona in zona rossa

Provincia di Ancona in zona rossa dalle 8 di domani, 3 marzo, alle 24 del 5 marzo. Il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha firmato l’ordinanza n.7 dopo un incontro con parti sociali e amministrazioni locali. «Vi comunico che ho firmato l’ordinanza per cui da domani mattina, 3 marzo, dalle ore 8, la provincia di Ancona passerà in zona rossa. - scrive su Facebook Acquaroli - Il provvedimento sarà valido fino alla scadenza del Dpcm in vigore, cioè venerdì 5 marzo. Per il periodo successivo emaneremo un nuovo provvedimento, non appena sarà noto il testo definitivo del nuovo Dpcm che entrerà in vigore da sabato 6 marzo».

Parte del Piemonte in zona rossa

Un’altra ampia zona rossa per l’emergenza COVID sarà creata in Piemonte, secondo quanto si apprende questa sera. Comprende 12 comuni della Valle Po, nel Cuneese, e due nel Torinese legati al focolaio di Cavour (Torino) dove la stretta anti-contagi è in vigore da sabato scorso, Il provvedimento riguarda Barge, Bagnolo Piemonte, Crissolo, Envie, Paesana, Gambasca, Revello, Martiniana Po, Oncino, Ostana, Rifreddo, Sanfront, tutti nel Cuneese, e Scalenghe e Bricherario, nel Torinese. Sale così a 22 il numero dei Comuni piemontesi in zona rossa: lo erano già Cavour e i 7 Comuni della Val Vigezzo (VCO).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1