Incidente in miniera, sono 52 i morti

Siberia

Pesantissimo il bilancio della tragedia avvenuta nella miniera di carbone Listvyazhnaya, nel cuore della Russia

 Incidente in miniera, sono 52 i morti
©EPA

Incidente in miniera, sono 52 i morti

©EPA

Nessun sopravvissuto tra i dispersi: è questo il terribile bilancio finale dell’incidente avvenuto stamattina nella miniera di carbone Listvyazhnaya, nel cuore della Russia. Al termine di una giornata convulsa, i media locali hanno riferito che sottoterra hanno perso la vita tutte le 52 persone che erano rimaste intrappolate. Una nuova tragedia, in un Paese in cui anche negli anni passati si erano verificati diversi terribili incidenti mortali in miniera.

La dinamica della tragedia non è ancora chiara, ma secondo gli investigatori del fumo si è propagato nella miniera attorno alle 08.35 locali. Una fonte dei servizi di emergenza sentita dall’agenzia statale russa Tass sostiene che la tragedia potrebbe essere stata causata da polvere di carbone che avrebbe preso fuoco in un pozzo di ventilazione.

Stando alle prime ricostruzioni del ministero delle emergenze, 285 persone stavano lavorando nella miniera stamattina e 239 di loro sono state evacuate. «Abbiamo 35 persone nel sottosuolo adesso» e «la loro posizione non è stata determinata», aveva precisato Serghiei Tsivilyov, governatore della regione di Kemerovo, in Siberia, nel cui territorio è avvenuto l’incidente.

Mentre nel primo pomeriggio l’amministrazione della miniera faceva sapere che «tutti i soccorritori» erano stati «urgentemente evacuati» per il timore che «la concentrazione di gas» potesse provocare un’esplosione. «Le operazioni riprenderanno non appena la concentrazione del gas si ridurrà a un livello sicuro», ha fatto sapere il governatore Tsivilyov, che ha anche annunciato tre giorni di lutto nella regione a partire da domani.

In serata, poi la drammatica conferma di un bilancio pesantissimo: cinquantadue persone, tra cui sei soccorritori, sono morte, hanno reso noto tutte le agenzie di stampa nazionali, aggiungendo «nessuno è rimasto vivo».

L’incidente ha scosso la Russia. «Quando le persone muoiono, è una grande tragedia per le famiglie e per tutti i parenti», ha detto Putin durante un incontro col presidente serbo Aleksandar Vucic aggiungendo che, «sfortunatamente, la situazione non sta migliorando e c’è un pericolo per le vite dei soccorritori».

In Russia in passato si sono verificati diversi incidenti in miniera, sciagure che molti osservatori collegano alle attrezzature obsolete e agli inadeguati standard di sicurezza. Una delle più gravi catastrofi risale al 2010, quando un’esplosione provocò la morte di 91 persone nella miniera Raspadskaya, la più grande della Russia. Nel 2007 un’altra esplosione uccise 110 persone nella miniera Ulyanovkskaya.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1