«Io, un ticinese che vuole salvare la barriera corallina»

Il personaggio

Alessandro Rossi si è fermato alle Fiji per amore di Avi, sua moglie – Dal 2017 si occupa della propagazione di coralli termoreristenti – «L’incontro con Jean-Michel Cousteau? Come vedere il Papa»

«Io, un ticinese che vuole salvare la barriera corallina»
Alessandro Rossi in mare.

«Io, un ticinese che vuole salvare la barriera corallina»

Alessandro Rossi in mare.

Alessandro Rossi è un giramondo che si è fermato alle Fiji per amore di Avi, sua moglie. Questo ticinese dalle molte vite è stato liutaio, istruttore subacqueo, operatore turistico e ora si dedica alla salvaguardia e riproduzione dei coralli.

Tra i personaggi che lo hanno incoraggiato nella sua attività c’è Jean-Michel Cousteau, esploratore e documentarista oceanografico, che è stato ospite nella sua casa vicino a Savusavu. L’impegno per l’ambiente e la coscienza ecologica sono alla base della vita della famiglia Rossi sull’isola di Vanua Levu tra buone pratiche sulla raccolta differenziata e salvaguardia della barriera corallina, un variopinto gioiello del mare a sostegno delle altre specie. Alessandro ha un sogno nel cassetto, anzi due; far crescere il suo progetto «Coral for life» e portare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1