«Israele interrompa la costruzione d’insediamenti in Palestina»

rapporti internazionali

L’UE ha lanciato un appello: «Non riconosceremo alcuna modifica ai confini precedenti al 1967»

«Israele interrompa la costruzione d’insediamenti in Palestina»
© Shutterstock

«Israele interrompa la costruzione d’insediamenti in Palestina»

© Shutterstock

L’UE chiede ancora una volta al governo di Israele di fermare la costruzione degli insediamenti e di non procedere con le gare d’appalto annunciate domenica scorsa dalle autorità del Paese per la costruzione di oltre 1’300 unità abitative negli insediamenti israeliani sul territorio palestinese occupato e di ulteriori 83 unità a Givat Hamatos a Gerusalemme est. Lo si legge in una nota del Servizio europeo per l’azione esterna. Gli insediamenti, sottolinea la nota, sono illegali ai sensi del diritto internazionale e costituiscono un grave ostacolo al raggiungimento della soluzione dei due Stati e di una pace giusta, duratura e completa tra le parti. L’UE ha costantemente chiarito che non riconoscerà alcuna modifica ai confini precedenti al 1967, anche per quanto riguarda Gerusalemme, oltre a quelle concordate da entrambe le parti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1