Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

pandemia

Un silenzio assordante è calato sul Paese dalle 14 del giorno del Capodanno ebraico per il lockdown deciso dal governo e che durerà almeno 3 settimane - LE FOTO

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© EPA/ABIR SULTAN

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© EPA/ABIR SULTAN

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© EPA/ATEF SAFADI

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© EPA/ATEF SAFADI

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© AP Photo/Oded Balilty

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© AP Photo/Oded Balilty

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© AP Photo/Ariel Schalit

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© AP Photo/Ariel Schalit

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© AP Photo/Maya Alleruzzo

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© AP Photo/Maya Alleruzzo

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© EPA/ABIR SULTAN

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© EPA/ABIR SULTAN

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© AP Photo/Maya Alleruzzo

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© AP Photo/Maya Alleruzzo

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© AP Photo/Ariel Schalit

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© AP Photo/Ariel Schalit

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote
© EPA/ATEF SAFADI

Israele richiude, 7 mila agenti nelle strade vuote

© EPA/ATEF SAFADI

Un silenzio assordante è calato su Israele dalle 14.00 del giorno del Capodanno ebraico. Il Paese intero si è bloccato all’inizio del lockdown deciso dal governo e che durerà almeno 3 settimane.

Se fino allora è stato un frenetico fare gli ultimi acquisti, prendere un caffè con gli amici o godersi un bagno al mare, poi le strade si sono rapidamente svuotate del traffico intenso, i negozi hanno abbassato le serrande, le spiagge sono rimaste deserte, la gente è tornata a casa.

Da Tel Aviv a Gerusalemme la situazione è identica. «Sembra la vigilia di Kippur», dicono in molti paragonando la situazione alla festa religiosa più sacra dell’ebraismo quando chiude anche l’aeroporto Ben Gurion.

Su questo Paese ‘sospeso’ vigilano circa 7mila tra poliziotti e soldati: molti i posti di blocco lungo le arterie principali e all’interno dei centri abitati attraverso i quali si controlla che le restrizioni siano rispettate. «Quasi nessuna auto in giro, pochi passanti qualche bicicletta. Tutto abbastanza deserto» racconta Luisa Grego che vive a Tel Aviv.

«Questa mattina prima del lockdown c’è stata la frenesia: gente dappertutto, traffico, code ai negozi, specie quelli di dolci», dice Dani Schaumann facendo riferimento alla tradizione gastronomica tipica di Rosh HaShana (Capodanno). A Gerusalemme è stato lo stesso: dentro e fuori la Città Vecchia tutto si è calmato. Al Muro del Pianto sono pochi quelli ammessi a pregare e ognuno protetto da una sorta di ‘capsula’ di plastica trasparente.

Finite le preghiere del venerdì mattina, la Spianata delle Moschee si è svuotata dei fedeli. Al Santo Sepolcro si è pregato secondo le disposizioni: massimo in 20. La Porta di Giaffa come le altre della Città Vecchia già in questi mesi di Covid poco affollate sono deserte.

Per strada ci sono in prevalenza i fedeli che vanno in sinagoga per Rosh HaShana. Al Tempio degli italiani a Ben Yehuda, arteria principale di Tel Aviv, l’ingresso - come in tutti gli altri luoghi di culto - è contingentato. «Devi prenotarti, dare il tuo nome e il numero di telefono. E solo quel numero di persone può entrare», sottolinea Giuseppe Kalowski.

Anche per il tradizionale ‘seder’ di Capodanno valgono le restrizioni: alla cena può prendervi parte solo lo stretto nucleo familiare che vive in quella casa. Nessuno - che non abbia motivi consentiti - può allontanarsi oltre un chilometro dal proprio domicilio. Basta vedere i parcheggi pieni per capire che la gente è ora a casa.

Come è stato per la Pasqua ebraica di aprile scorso nel primo lockdown sperimentato da Israele, in molti per questo Capodanno potranno farsi gli auguri soltanto on line. E sul lastricato di piazza Rabin, la principale di Tel Aviv è stato scritto a lettere cubitali «il lockdown a causa di Bibi». Poi a Gerusalemme nella Piazza Parigi, a breve distanza dalla residenza ufficiale del premier, è stata organizzata una «tavolata imbandita, di protesta».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 ats
  • 2 Coronavirus
Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1