Israele, traguardo in vista

Il modello

La corsa all’immunità di gregge prosegue con prudenza di fronte ai primi tentativi di apertura - Ora l’obiettivo della campagna di immunizzazione è stato spostato sui minorenni

Israele, traguardo in vista
© AP/Ariel Schalit

Israele, traguardo in vista

© AP/Ariel Schalit

Bisognerà aspettare ancora un mese in Israele per dichiarare completamente superata l’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus. Se infatti da un lato si è ormai superato da qualche giorno il traguardo della metà della popolazione israeliana vaccinata con entrambe le dosi (siamo a 4,8 milioni su 9,3 milioni di abitanti, compresi un terzo di minorenni che non possono essere vaccinati), dall’altra le aperture di questi giorni dovute alla Pasqua ebraica, a quella cattolica, alle feste civili - come la giornata dell’Olocausto e dell’Indipendenza - e al prossimo inizio del Ramadan (12 aprile) e della Pasqua ortodossa (2 maggio), con lo spostamento e gli incontri di milioni di persone, saranno il vero test per l’apertura totale. Al momento infatti, ci sono ancora limitazioni all’ingresso nel Paese....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1